Rossella Brescia: «Cani, che passione»

13 gennaio 2010 
<p>Rossella Brescia: «Cani, che passione»</p>
PHOTO - - - COURTESY OF YAM112003

Li ama nella vita e li porta sul grande schermo. Rossella Brescia conduce domani su Italia1 il nuovo show a 4 zampe I love my dog, edizione speciale del premio Collare d'oro. La showgirl 38enne è sempre più protagonista sul piccolo schermo e non solo. Oltre alla conduzione dell'imminente nuova stagione di Colorado Cafè, Rossella ha appena portato in tv il reality show Ciccia è bello ed è in tournée con La Carmen, balletto che rivede in chiave moderna il capolavoro di Bizet tra profughi, scafisti e carabinieri. Il suo è un successo che arriva dopo anni di gavetta, da Buona Domenica a Saranno famosi, da Amici a C'è posta per te.  Modesta come sempre, Rossella ci parla dello show, dei suoi amati cani e non solo.

Domani lei è su Italia Uno con il nuovo show I love my dog. Può parlarne?
«Sì, è una sfida tra coppie cane-padrone: vincerà dopo aver superato una serie di prove il duo che ha il miglior affiatamento. In studio arrivano sei coppie, selezionate a monte tra vari candidati: le giudicheranno il pubblico e la giuria, composta da Alba Parietti, Paola Barale e Andrew Howe».

I love my dog diventerà un programma vero e proprio?
«Per ora è una puntata unica, ma mi piacerebbe che fosse uno show continuativo. Anche perché diamo dei messaggi importanti riguardo l'alimentazione dei cani, la loro concentrazione e non solo».

Rossella, è stata scelta per la conduzione perché è una cinofila persa?
«Assolutamente sì. Ho tre border collie, Romeo, Sophia (in onore della Loren) e Bartolo, e li adoro. Mi hanno regalato tantissimo e nei momenti di sconforto sono sempre stati pronti a darmi il loro appoggio».

Può raccontare l'episodio più tenero con loro?
«Non dimenticherò mai la prima notte con Sophia. Non avevo mai avuto un cane prima: pensavo che dovesse dormire rigorosamente nella sua cuccia. Dopo due ore di pianto disperato ho preso la cucciola e l'ho messa nel letto vicino a me. Ha dormito come un angioletto».

I giudici del programma sono Alba Parietti, Paola Barale e Andrew Howe: chi sarà il più rigido?
«Forse Alba è la più severa ma credo che si faranno intenerire tutti e tre:  sono giudici ma soprattutto felici proprietari di cani».

Lassie, Rex oppure… A quale divo a 4 zampe è più legata?
«Ero molto affezionata a Shonik, il cane della pubblicità di Infostrada con Fiorello. Era di Massimo Perla, allenatore dei cani divi  ed era dolcissimo. È morto qualche anno fa».

Se lei fossi un cane, di che razza sarebbe?
«Sarei un border collie: sono pazzi e non stanno stare fermi un secondo. Proprio come me».

Si dice che spesso il cane sia il sostituto di un figlio. Cosa ne pensa?
«È un errore, ma l'ho commesso anche io».

Lo show Ciccia è bella non è andato oltre il numero zero. Cosa non ha funzionato?
«Era un esperimento coraggioso che ha ricevuto molte candidature di ragazze e ragazzi. È difficile però mettersi davanti a uno specchio e togliersi i vestiti: forse il pubblico non è ancora pronto».

Qual è la vera Rossella? La solare ragazza della porta accanto di Colorado Cafè o la passionale Carmen, con cui è in tournée nei teatri?
«Mi piace essere tutte e due le cose, sono una persona poliedrica. Anche la mia calligrafia cambia spesso a seconda del mio stato d'animo».

In Carmen è diretta dal suo compagno Luciano Cannito. Lavorare insieme logora la coppia?
«No, anzi. È bellissimo: siamo capaci di calarci completamente nei ruoli di regista e interprete. Luciano poi è molto psicologo, sa come prenderti».

Se lei dovessi condurre un reality, quale sarebbe il suo modello? Sexy alla Marcuzzi o «cattiva» alla De Filippi?
«Come? Maria non è cattiva, è una vera e propria laureata in psicologia oltre che la star assoluta del genere. Magari fossi come lei…»

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).