Gianluigi Paragone si prende L'ultima parola

15 gennaio 2010 

Parte stasera in seconda serata su Raidue L'ultima parola, il nuovo programma di Gianluigi Paragone realizzato negli studi Rai di Milano.
La trasmissione affronterà temi di attualità, di politica, di costume e di cronaca. Gli ospiti saranno chiamati a discutere in un confronto diretto con i protagonisti delle storie che saranno raccontate attraverso filmati, interviste e servizi giornalistici. Si parte con il tema della «malagiustizia»: «Non esiste una cattiva magistratura - sottolinea Paragone presentando la trasmissione - ma esiste una malagiustizia. Non intendo dare risposte ma vorrei che fossero i diretti responsabili a fornirle ai cittadini».
In sostanza, spiega Paragone, il programma non vuole essere un talk show, con dibattiti politici «ma intende semplicemente raccontare delle storie. La politica non dovrà dare retta a me ma dovrà dare delle spiegazioni ai protagonisti di queste storie. Io mi tiro fuori e saranno gli ospiti in studio a parlare direttamente con la gente».

Ospiti della prima puntata il capogruppo del Pdl in Senato, Maurizio Gasparri, l'europarlamentare dell'Italia dei Valori, Sonia Alfano, il giornalista Gianni Barbacetto e, in videocollegamento, il presidente dell'Associazione Nazionale Magistrati, Luca Palamara.

Paragone sarà l'anti-Santoro? «Non posso esserlo per storia, per esperienza, per idee, vengo da una generazione diversa, sono più figlio dei paninari che della sinistra contestatrice. Questo non vuol dire che io non abbia il diritto di raccontare certe cose in modo diverso».
Più che con Santoro, tuttavia, il confronto vero sarà quello che l'opporrà a un altro alfiere del centro-destra come il direttore di Libero Maurizio Belpietro, che sta progettando un nuovo talk d'approfondimento che dovrebbe debuttare a fine febbraio, in tempo per le elezioni regionali.
«Non sappiamo ancora la data di partenza, ci stiamo lavorando - ha detto il direttore di Raidue Massimo Liofredi - quel che è certo è che Raidue avrà una pluralità di informazione».

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).