Vince Beppe Fiorello. Ma anche il GF

19 gennaio 2010 

Lunedì 18 gennaio. Vince Raiuno con la seconda e ultima parte della fiction Lo scandalo della Banca Romana, ma vince anche Canale 5 con la tredicesima puntata del Grande fratello.
Possibile? Dipende da che punto di vista si guardano i risultati della serata.

Beppe Fiorello nei panni di un giornalista coraggioso nella Roma umbertina è stato ammirato da 6 milioni 692mila telespettatori; il GF ha raccolto davanti al piccolo schermo 6 milioni 216mila fan, felici per la proposta di matrimonio rivolta in diretta da George a Carmela, indignati (si spera) per l'invito a darsi al cinema, hard, rivolto da Daniele a Veronica.
D'altra parte, Lo scandalo della Banca Romana ha avuto uno share del 24,23%, ma GF ha avuto uno share maggiore, vale a dire del 27,04%.

Considerata la natura dello share, rapporto percentuale tra l'ascolto medio di un certo programma e il numero di presenti davanti alla tv nel periodo in cui quel programma è andato in onda, sia Raiuno sia Canale 5 possono cantare vittoria: la prima ha avuto più telespettatori, la seconda più share.

Il resto della programmazione di prima serata, quasi tutta azione e detection, ha viaggiato su numeri decisamente più bassi. Su Italia 1 The Bourne Ultimatum con Matt Damon, in prima tv, è stato visto da 3 milioni 121mila telespettatori (share dell'11,34%); la serata crime di Raidue, con il dittico di telefilm Cold Case e Senza traccia, è stata sul filo dei 2 milioni di telespettatori: 2 milioni 217mila (share del 7,58%) per Cold Case, 2 milioni 182mila (share del 7,45%) per Senza Traccia. Chi l'ha visto, su Raitre, è stato visto da 2 milioni 73mila telespettatori (share del 7,45%). Fanalino di coda, su Rete4, Il comandante Florent, con il suo 1 milione 711mila telespettatori (share del 6,26%).

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).