Zelig non molla il comando

10 febbraio 2010 
<p>Zelig non molla il comando</p>

Ridendo e scherzando Zelig si annette sempre la serata del martedì sera, mentre il commissario Lando Buzzanca si congeda dai telespettatori di Raiuno.
La nave dei folli timonata da Claudio Bisio e Vanessa Incontrada è stata infatti la preferita dalla maggioranza dei telespettatori: 5 milioni 901mila in media (share 23,58%) i sintonizzati su Canale 5. Un distacco di circa 600mila unità rispetto all'ultima puntata della fiction Io e mio figlio, vista da 5 milioni 344mila telespettatori (share del 19,99%).
Migliora di puntata in puntata lo stato di salute di Dr House: ieri visita a domicilio per 3 milioni 599mila telespettatori (share del 12,58%). Il telefilm medical ha anche fatto da buon traino, sempre su Italia 1, a The Closer, visto da 2 milioni 386mila telespettatori (share del 9,20%).
Su Raitre un Ballarò a rischio sparizione durante il prossimo periodo elettorale (come i cugini Annozero e Porta a Porta) è stato votato da 3 milioni 793mila telespettatori (share del 14,85%).
Nel duello tra star di Hollywood, infine, è prevalso Kevin Costner: 2 milioni 45mila fan (share dell'8,24%) hanno intriso i fazzoletti di lacrime grazie a Le parole che non ti ho detto, su Rete4, mentre il più virile Tom Cruise con L'ultimo samurai ha portato in dote a Raidue solo un milione 718mila telespettatori (share del 6,77%). Su La7 infine l'allora (1976) profetico film di Sidney Lumet Quinto potere è stato visto da 305mila telespettatori (share dell'1,23%).
A ridosso della prima serata continua la sua cavalcata di gloria il Walker Texas Ranger Chuck Norris: il telefilm nato diciassette anni fa ieri è stato visto su Rete4 da 2 milioni 639mila telespettatori (share del 9,39%).

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).