Le Olimpiadi non fanno prigionieri

17 febbraio 2010 

La settimana televisiva statunitense 8-14 febbraio nella coda non ha avuto il veleno, come dicevano gli antichi, ma il trionfo televisivo delle Olimpiadi invernali in via di svolgimento a Vancouver, Canada.
Se infatti la cerimonia di inaugurazione, venerdì 12, è stata seguita da una media di 34 milioni di telespettatori, sabato e domenica la media è stata di 26 milioni. Favorita dalla vicinanza geografia, la NBC ha quindi cannibalizzato le prime serate tv, tanto che la concorrenza si è limitata a programma serie tv in replica (Dr. House e Numb3rs, visti da una media di 3 milioni ottocentomila non appassionati di sport invernali).
Andiamo a ritroso per analizzare il resto della settimana.
Giovedì 11 in prima serata la prima puntata del reality Survivor (più o meno l'equivalente dell'Isola dei famosi) è stato visto da 14 milioni 200mila telespettatori, mentre lo stesso giorno ma dalle 22 The Mentalist è stato il preferito di 15 milioni 700mila.
Martedì e mercoledì consueto picco del talent-show American Idol (lo zio d'America di Amici e X Factor) con i suoi 25 milioni di fedelissimi, contrastato dal dittico NCIS-NCIS Los Angeles (19 milioni 700mila) martedì e da Criminal Minds (14 milioni 800mila) mercoledì.
Sempre martedì Lost è stato visto da 11 milioni di telespettatori, quindi con una perdita secca di un milione rispetto alla prima puntata.
Lunedì infine la fascia delle 20 è stata appannaggio di Dr.House con 13 milioni 55mila telespettatori, quella delle 21 di Due uomini e mezzo (17 milioni 55mila), quella delle 22 di CSI Miami (13 milioni).

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).