Massimo pitbull Scattarella (GF10): «Veronica è l'amore mio»

02 febbraio 2010 
<p>Massimo pitbull Scattarella (<em>GF10</em>): «Veronica è l'amore
mio»</p>

Macho con un cuore da micio. Il buttafuori barese Massimo "pitbull" Scattarella, eliminato dal Gf per una bestemmia, continua a ripetere che non è per questo episodio che vuole essere ricordato. E ha ragione: nei 92 giorni di permanenza nella casa si è fatto notare anche per un cuore buono sotto la corazza di muscoli, per le sue teorie a metà tra maschilismo e generosità e per le perle di saggezza, da: "Non devi dare cento per avere cento, ma devi dare cento perché ti senti" a "Hai voluto la bicicletta, mò pedalisci".
Dopo una settimana passata tra scuse e pentimenti, ora Massimo guarda al futuro, progettando di andare via da Bari per tentare di sfondare nel mondo dello spettacolo. Dove prenderà casa non lo dice, ma non ci vuole la sfera di cristallo per ipotizzare che approderà nella Capitale, anche per stare vicino alla sua amata Veronica. Ed è proprio da lei che parte la nostra chiacchierata.

Non si può dire che Veronica si sia comportata bene. Che giudizio ne dai dopo aver visto filmati e confessionali?
«Veronica è l'amore mio. Nella casa ha avuto un percorso difficile e non voglio giudicarla. Per quanto riguarda me e lei, non saremo mai il principe e la farfallina, ma piuttosto la bella e la bestia. Io ci spero anche se so che non mi ama... ancora».

A un certo punto, Daniele era quasi riuscito a portartela via...
«Per rimanere in tema di favole, Daniele è il bell'addormentato nel bosco. Con me è stato falso e mi ha dimostrato un'amicizia che non c'era».

Anche quello che Maicol prova per Giorgio non è amicizia. Ma Giorgio non lo ha un po' illuso?
«Maicol è una persona sensibile e gli voglio bene. Ultimamente, però, sta diventando pesante, sta facendo vivere male la casa a Giorgio e lui inizia a non sopportalo più».

La tua amicizia con George, invece, è sincera. Ma il suo amore per Carmela? «George è il mio migliore amico, non lo giudico».

Allora parliamo della tua clamorosa esclusione. Smaltita l'arrabbiatura?
«E' stata una batosta, ma non ce l'ho col Gf: ho fatto una cosa grave e meritavo la punizione. Può sembrare una bugia, ma non avevo mai bestemmiato prima in vita mia: sono un credente. Mi dispiace per mia madre che è credente e praticante».

Come l'ha presa?
«Sono sempre suo figlio e mi è vicino, ma io so di averla delusa».

Avresti potuto essere tu il vincitore del Gf 10?
«Chi può dirlo. Di sicuro sarei stato tra i finalisti: quella era casa mia, proteggevo tutti e tutti mi volevano bene. La mia forza è stata essere sempre sincero e leale, ma anche cattivo quando era il caso. E' banale dirlo, ma io ho già vinto perché mi sono riempito il cuore. Le tasche, quelle no».

Ti avrebbero cambiato la vita i 250mila euro di montepremi?
«Certo, ma ci avrei rinunciato se mi avessero dato la possibilità di rientrare».

Invece rientrerai a Bari. Felice?
«La mia città ha fatto per me cose incredibili: domenica scorsa c'era un presidio in piazza per chiedere di farmi rientrare in casa. Sono lusingato, non me lo aspettavo: a fare il buttafuori in discoteca ti fai molti nemici. Spero che i miei concittadini mi vorranno ancora bene quando sapranno che sto pensando di trasferirmi».

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).