Una poltrona per due

02 febbraio 2010 
<p>Una poltrona per due</p>

Vince Sant'Agostino. Vince Grande fratello. Non è un refuso, è il riassunto della sfida di ieri sera tra la veneranda seconda e ultima parte della fiction di Raiuno e la puntata numero 15 del reality di Canale 5.

Vediamo meglio la questione con l'aiuto dei numeri. Sant'Agostino è stato visto è da una media di 6 milioni 896mila telespettatori (share del 24,73%) - circa 150mila telespettatori in meno rispetto alla prima puntata in onda domenica 31 gennaio. Grande fratello è stato visto da una media di 6 milioni 679mila telespettatori (share del 29,51%). Quindi Raiuno ha vinto in termini di pubblico, Canale 5 di share. Tuttavia in sovrapposizione, cioè quando entrambe i programmi andavano in onda in parallelo, è prevalsa la banda Marcuzzi: in quei momenti infatti la media dei telespettatori sintonizzati sulla Casa era di 7 milioni 316mila (share del 26,23%).

Mettiamo da parte l'intricata questione e vediamo il resto dei risultati, come di consueto stritolati tra le due grandi offerte concorrenti.
Leonardo DiCaprio ha confermato il suo appeal sul pubblico facendo vincere a Italia 1 la medaglia di bronzo: il suo film Blood Diamond infatti è stato visto da 2 miloni 307mila telespettatori. Subito dietro, il trittico di telefilm ad alta tensione di Raidue: Cold Case (2 milioni 350mila telespettatori, share del 7,99%), Senza traccia (2 milioni 384mila, share dell'8,42%), Criminal Minds (2 milioni 288mila, share del 9,53%). Testa a testa tra Chi l'ha visto?, su Raitre (un milione 807mila telespettatori, share del 6,56%) e Il comandante Florent, su Rete4 (un milione 733mila, share del 6,35%). Chiude la fila L'infedele Gad Lerner, su La7, con i suoi 761mila telespettatori (share del 3,03%).

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).