Pino Insegno: «Varietà, che passione»

25 febbraio 2010 
<p>Pino Insegno: «Varietà, che passione»</p>

Gli anni d'oro della tv italiana, i magici '60 e '70, sono protagonisti dello show Insegnami a sognare, che va in onda questa sera su Rai1 con la conduzione di Pino Insegno. All'attore romano, classe 1959, diventato famoso con varietà televisivi come G.B. Show, Campioni di Ballo, Premiata Teleditta, il compito di duettare virtualmente con i grandi protagonisti dell'epoca come Gassman, Bramieri, Sordi e molti altri. In studio, altri beniamini del pubblico, da Minnie Minoprio a Giancarlo Magalli alle mitiche "Signorine Buonasera". Accanto al conduttore, due "spalle" d'eccezione, Massimo Ranieri e Claudio Baglioni. Con Insegno abbiamo parlato della trasmissione e anche dei sogni che ha realizzato… Alcuni controvoglia.

Stasera va in onda con lo show Insegnami a sognare. Emozionato?
«Sì: è un bellissimo viaggio nella tv di oggi e di ieri, che vede il nuovo varietà unirsi al "vecchio" in maniera moderna. Al momento è uno speciale unico, ma potrebbero essere pianificate 3 o 4 ulteriori puntate».

Quali sono i programmi di quegli anni che ricorda con maggiore affetto?
«Naturalmente il varietà: era il momento in cui vedevo la mia famiglia riunita davanti alla televisione. Quello del cuore è Canzonissima '70. Avevo 12 anni ed è stato un anno magico per me anche perché incontrai Massimo Ranieri sul set di un film. Gli ho detto infatti: "Ti faccio rincontrare te stesso in quel giorno". In studio ballerò anche un tuca tuca con Raffaella, e poi Alberto Sordi prenderà virtualmente il mio posto».

In studio ci saranno molte "miss" della tv dell'epoca: quale di loro era il tuo sogno di ragazzo?
«Sicuramente Minnie Minoprio: in trasmissione le faccio cantare il suo successo Quando mi dici così, mentre io mi esibisco in un pitum-pitum-pà ».

Parliamo invece di tormentoni targati Baglioni: qual era la sua canzone del cuore?
«Tutte quelle dall'album Oltre. Ma anche E me lo chiami amore, che mi ricorda la solenne fregatura presa con una ragazza con la quale a 16 anni ci ho provato per ben due mesi e mezzo. Dopo, mi sono vendicato scrivendole una lettera proprio con le parole di quella canzone».

Invece, qual è il suo idolo del varietà?
«Sono due: Walter Chiari e Gino Bramieri. Chiari in particolare è l'artista al quale mi ispiro di più perché cercava sempre di non assomigliare a se stesso. Era attore, comico e conduttore tv, sapeva fare di tutto. Negli anni in cui facevo il G.B. Show con Gino Bramieri Chiari mi fermò e mi disse: "Hai gli occhi furbetti come li avevo io alla tua età". È un bellissimo ricordo che ho di lui».

Insegnami a sognare. E a lei, cosa fa sognare davvero?
«Mi piace realizzare tutti i miei sogni e soprattutto quelli degli altri. Con mio fratello Claudio abbiamo aperto l'Accademia Corrado Pani, accademia d'arte gratuita che si basa su borse di studio e dove si insegnano dizione, recitazione, danza, canto, doppiaggio, e non solo. Io sono fatto così: preferisco fare regali piuttosto che riceverli».

Ma come? Non mi ha detto che la sua ragazza, Alessia, la fa sognare!
«Certo che mi fa sognare! Con Alessia (Cacciotti, attrice, ndr) sto vivendo da un anno e tre mesi fa una storia meravigliosa che si sta consolidando».

Ha mai fatto una pazzia per farla sognare?
«Le ho permesso di prendermi e portarmi via. Io sono terrorizzato dai viaggi, lei invece è laureata in antropologia umana e adora girare il mondo. Di recente mi ha"rapito" per una tre giorni in Europa organizzata tutta da lei. E ne è stata felicissima. Immagino che ora ci riproverà con il Messico…».

A metà marzo ripartirà anche il programma Ciak si canta, con lei alla conduzione. Il format sarà simile a quello del programma del 2007?
«Sì, sarà una gara ed un salotto al tempo stesso: grandi artisti della canzone italiana si sfideranno proponendo nuovi videoclip interpretati per l'occasione. Io sarò affiancato da Miriam Leone, Miss Italia 2008, 25 anni. Ci sarà uno scontro generazionale tra noi, dal momento che quei cantanti erano i miei eroi, lei invece ha riferimenti musicali ben diversi».

Quali sono invece gli attuali brani-tormentone nel suo iPod?
«Premetto che mio fratello ed io siamo collezionisti "malati" di colonne sonore. Al momento sto ascoltando la colonna sonora di La Principessa e il Ranocchio: dò la voce all'alligatore Louis e per la prima volta canto! Poi, gli Alunni del sole e la loro raccolta cult E mi manchi tanto…, un po' tutto del mio mito Tupac Shakur e l'ultimo album di Ryuichi Sakamoto, Playing the Piano. Impareggiabile».

Insegnami a sognare, Raiuno, 25 febbraio alle 21.10

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).