Amici e matti dominano la serata

08 febbraio 2010 

La lettura dei dati Auditel sembra matematica, invece spesso è filosofia. Vale a dire che la vittoria è anche questione di interpretazione.
Infatti ieri sera la prima parte della fiction di Raiuno con Fabrizio Gifuni C'era una volta la città dei matti (biografia di Franco Basaglia e della sua lotta per abbattere i muri dei manicomi) è stata vista da 5 milioni 442mila telespettatori, con uno share pari al 21,25%. Su Canale 5 invece la puntata di Amici culminata nell'eliminazione della ballerina classica Borana Qiriazi è stata vista da meno pubblico rispetto alla fiction prodotta dalla Ciao ragazzi di Claudia Mori, 4 milioni 920mila telespettatori, ma ha avuto uno share più alto, del 24,71%.
Sarà interessante, stasera, il confronto tra la seconda e ultima parte della fiction Rai e un programma dedicato a un gruppo di persone che hanno deciso di rinchiudersi in una Casa…
Appannaggio delle reti Rai anche i gradini maggiori della classifica: NCIS e Castle (rispettivamente 2 milioni 786mila telespettatori e share del 9,76%; 2 milioni 570mila e share del 9,54%) danno ossigeno a Raidue, mentre su Raitre l'inchiesta di Riccardo Iacona in Presadiretta sulla privatizzazione dell'acqua pubblica coinvolge 2 milioni 288mila telespettatori (share del 9,09%). L'altro telefilm della serata, Il comandante Florent, ha veicolato su Rete4 un milione 705mila telespettatori (share del 6,64%).
Chiudiamo con l'offerta cinema: Rambo III, ovvero Sylvester Stallone in missione in Afghanistan, ha radunato su Italia 1 2 milioni 212mila fan (share dell'8,61%); un'altra biografia, quella di Nelson Mandela e della sua lunghissima prigionia, Il colore della libertà , è stata vista su La7 da 546mila telespettatori (share del 2,34%).

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).