Torture e scosse, il quiz della morte sciocca la Francia

18 marzo 2010 
<p>Torture e scosse, il quiz della morte sciocca la Francia</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Cosa saresti disposto a fare pur di andare in televisione? È quello che si chiedono i francesi che hanno visto il documentario Le Jeu de la mort (Il gioco della morte), trasmesso ieri sera su France 2. Protagonisti della trasmissione sono 80 aspiranti concorrenti di un reality show che, pur di vincere il premio finale, sono disposti a infliggere una scossa da 20 a 460 volt ai loro avversari seduti su una sedia elettrica.

Il gioco, in realtà, è solo una finzione: il concorrente sulla sedia è un attore che finge dolore e disperazione, ma non riceve alcuna scossa, così come finta è la cattiveria della conduttrice e del pubblico in studio, tutti attori chiamati a fingere crudeltà e spietatezza. Gli unici a non sapere che si tratta di un fittizio docu-reality, sono proprio gli 80 concorrenti del quiz, chiamati a rispondere correttamente alle domande e a infliggere una scossa letale all'avversario che sbaglia.

L'esperimento alla base del documentario, diretto dal francese Christopher Nick, ripropone in chiave moderna quello condotto negli anni Sessanta dallo psicologo Stanley Milgram, che indagò il rapporto tra autorità e sottomissione negli uomini. E se dagli studi di Milgram emerse che il 62 per cento dei soggetti sarebbe stato capace di uccidere, su ordine di un'autorità considerata legittima, il documentario di Nick si spinge ancora oltre, perché ben l'80 per cento dei partecipanti, aizzato dalla conduttrice e dal pubblico, ha azionato la scossa.

 

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).