Solfrizzi & C. le cantano a Boldi

22 marzo 2010 
<p>Solfrizzi &amp; C. le cantano a Boldi</p>
PHOTO SPLASH NEWS

Ballo delle serie debuttanti ieri sera in Tv. Reginetta della festa Tutti pazzi per amore2: la prima delle 26 puntate della produzione con Emilio Solfrizzi e Antonia Liskova è stata vista su Raiuno da 5 milioni 396mila telespettatori (share del 19,99%) nella prima parte e da 4 milioni 758mila (share del 23,76%) nella seconda.


La dirimpettaia Fratelli Benvenuti, con Massimo Boldi e Barbara De Rossi, su Canale 5, invece ha ottenuto risultati più bassi: 3 milioni 783mila telespettatori (share del 13,82%) nella prima parte, 2 milioni 649mila (share del 12,51%) nella seconda. Il male oscuro che rode le serie a lunga gittata di casa Mediaset sembra quindi aver colpito ancora.


Erano pure ai nastri di partenza, su Raidue, la settima serie di NCIS e la prima della sua "costola" (o kick-off se preferite il termine tecnico) NCIS: Los Angeles. Entrambe battezzate con riscontri lusinghieri. La puntata della serie-madre è stata seguita da 3 milioni 93mila telespettatori (share del 10,92%) mentre la prima assoluta del nuovo telefilm ha addirittura avuto risultati superiori: 3 milioni 312mila telespettatori (share del 12,30%).

Cronisti a confronto su Raitre e Rete4.Sulla prima Report ha portato a casa un ascolto medio di 3 milioni 104mila unità (share del 12,76%); sulla seconda Quarto grado si è difeso bene con un milione 849mila telespettatori (share del 7,38%).

All'insegna del fantastico infine l'offerta cinema: Eragon, su Italia 1, ha stregato 2 milioni 366mila telespettatori (share del 9,70%); su La7 Countdown-Dimensione Zero (la portaerei americana Nimitz entra in un buco spazio-temporale e si ritrovata sbalzata nel 1941, alla viglia dell'attacco a Pearl Harbor) ha incuriosito 646mila telespettatori (share del 2,71%).

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).