Addio Vianello, Elia: « Piango perché era il migliore»

15 aprile 2010 
<p>Addio Vianello, Elia: « Piango perché era il migliore»</p>
PHOTO KIKA PRESS

In lacrime, Antonella Elia, 47, ha appena saputo della morte di Raimondo Vianello, 87, che lei considera uno dei suoi più grandi maestri di vita. «Era il migliore, un vero genio di umanità». Dal '95 al '97 ha condotto Pressing, un programma dedicato al calcio, a fianco di Raimondo, che gli ha insegnato che la cordialità e l'humour sono gli ingredienti necessari per costruire una televisione sana.

Quando è stata l'ultima volta che lo ha visto?
«Qualche anno fa. Era da un po' che le nostre strade non si incrociavano ma l'ho sempre portato nel mio cuore, sia lui che Sandra Mondaini»

C'è un ricordo di Raimondo che porterà sempre con sé?
«Sì, lui ha inventato il personaggio Antonella Elia con la frase " Se ci è ci fa", per il mio essere sempre sulle nuvole. Devo anche  a Raimondo il mio successo».

GUARDA LO SPECIALE

Leggi anche: Paolo Bonolis: «Addio Vianello, è stato il mio maestro»

e Luca Bizzarri, l'addio a Vianello via Twitter

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).