Italia's got talent, Mauro Monaco: «Il programma nasce sul palco»

19 aprile 2010 
<p><em>Italia's got talent</em>, Mauro Monaco: «Il programma nasce
sul palco»</p>

Sfida televisiva all'ultimo telespettatore stasera tra Italia's got talent L'isola dei famosi, due reality che puntano sullo stesso target. Il programma di Canale5, con una giuria d'eccezione formata da  Maria De Filippi, 48 anni, Gerry Scotti, 54 e Rudy Zerbi, 41, ha avuto un ottimo esordio la settimana scorsa con una media di 5.976.000 telespettatori e il 27,42% di share (superando anche la puntata pilota di dicembre), e stasera andrà in onda la seconda puntata.

Uno degli autori, Mauro Monaco (nella foto il primo a sinistra), ci svela i retroscena della trasmissione, presentata da Simone Annicchiaricoe, 39, Geppi Cucciari, 36.

Mauro, perché proprio Maria de Filippi, Jerry Scotti e Rudy Zerbi?
«Perché tutti e tre sono grandi professionisti. Sono persone che lo spettacolo lo conoscono molto bene e che lo vivono da decenni».

Quante prove fate alla settimana visto che i concorrenti sono tantissimi…
«I concorrenti non provano. Questa è una delle grandi novità rispetto a tutti gli altri Talent show. Le audizioni sono fatte in diretta: il programma nasce e si svolge sul palco il lunedì sera. I giudici sono all'oscuro di tutto e vedono gli aspiranti talentuosi esattamente quando si presentano al pubblico».

Qual è stato il concorrente più apprezzato della scorsa settimana?
« Angela, la nonna cubista. Ha fatto strage di clic su Youtube»

La Rai, per contrastare Italia's got talent manderà in onda L'Isola dei famosi. Cosa ne pensa di questa mossa?
«L'Isola dei famosi è un programma molto forte, ma l'Isola e Italia's Got Talent sono due programmi diversi: uno è un reality show ed uno è un talent show...Io penso a far bene il nostro».


 

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
alberto 80 mesi fa

ero perplesso, ma devo dire che mi sta affascinando

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).