Antonio Cornacchione: «Silvio c'è, però anche ci fa»

04 aprile 2010 
<p>Antonio Cornacchione: «Silvio c'è, però anche ci fa»</p>
PHOTO CLAUDIO MARGOTTA -

Parte stasera su Rai Tre alle 23.35 la decima edizione di Glob, l'osceno del villaggio, lo show condotto da Enrico Bertolino e che, per dieci puntate, vedrà ospite il comico Antonio Cornacchione, attualmente impegnato anche a teatro con il nuovo spettacolo Silvio c'è?, che il 9 e 10 farà tappa al Teatro delle Celebrazioni di Bologna. 

Cornacchione, cosa dobbiamo aspettarci stasera da lei a Glob?

«Farò un pezzo tratto dallo show, insieme a Carlo Fava: lui sarà un musicologo che proverà a spiegare la colonna sonora che accompagna i servizi dei vari telegiornali, dal Tg1 a Studio Aperto».

E lei?

«Io canterò, proprio sulle note delle musiche dei tg».

Nel suo spettacolo affronta diversi temi di attualità. Un esempio?

«Prenda gli incontri tra Berlusconi e il leader libico Gheddafi: Silvio gli ha promesso che l'Italia costruirà le strade in Libia non appena verrà ultimata la Salerno-Reggio Calabria. A Gheddafi gli sono cadute le "olive" a terra».

Lei che è un «volontario del partito dell'amore», che ne pensa di quell'immigrato che ha chiamato il figlio Silvioberlusconi?

«Se l'avesse chiamato Prodibersani l'avrebbero rimpatriato subito».

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).