Kaspar Capparoni lascia Il commissario Rex: «Ettore Bassi al mio posto? Forse costa meno»

03 maggio 2010 
<p>Kaspar Capparoni lascia <em>Il commissario Rex</em>: «Ettore
Bassi al mio posto? Forse costa meno»</p>
PHOTO SPLASH NEWS

Da oggi sul set a Roma, con la regia di Andrea Costantini, la tredicesima stagione della serie Tv Il commissario Rex (terza nella versione italiana) riparte con una novità sostanziale. Kaspar Capparoni, protagonista delle due precedenti nel ruolo del commissario Lorenzo Fabbri (insieme al pastore tedesco Henry), esce di scena dopo le prime due puntate. Come mai? Lo abbiamo chiesto allo stesso Capparoni, tornato in onda su Raiuno (il giovedì in prima serata) nella serie Donna Detective.

È contento di lasciare?

«Certo che no. Devo molto a Rex, e sarei uno stupido se dicessi il contrario. Ma quando non si trova un accordo sulle linee artistiche, arriva il momento di andarsene».

Dica la verità: è lei che se ne va o la sostituiscono?

«Sono io che me ne vado. Farò ancora due puntate per dare modo al personaggio di uscire dalla serie, poi basta. Ma vorrei restare».

Il suo è un problema di cachet?

«Di scelte che non condivido. Rex era partito come il classico giallo, semplice e senza grandi aperture alla commedia. Io ne ho fatto un prodotto diverso, più maturo. Ora invece si vuole tornare al vecchio stile».

Come mai?

«E chi lo sa? Abbiamo fatto grandi ascolti, anche in Francia, in Canada, in Australia. La serie italiana ha avuto più successo dell'originale tedesca: quella andava in preserale, noi l'abbiamo portata in prime-time».

Dicono che al suo posto entrerà Ettore Bassi.

«Sinceramente non lo so, ciò che è certo è che avrà un ruolo diverso».

Forse costa di meno.

«È molto probabile».

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Klody 76 mesi fa

non è giusto ke Kaspar se ne va!

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).