Gabriele Rossi (Raul di Tutti pazzi): «In Tv tiro calci e pugni, nella vita ballo»

14 maggio 2010 
<p>Gabriele Rossi (Raul di <em>Tutti pazzi</em>): «In Tv tiro calci
e pugni, nella vita ballo»</p>

Il suo nome ancora non dice molto, ma il suo volto sì e ad alcuni anche il suo fondoschiena (basta guardare i tantissimi commenti che proliferano in Rete sull'«argomento»). Gabriele Rossi, classe 1988, è Raul, il bell'angelo biondo di Tutti pazzi per amore 2 (GUARDA LO SPECIALE). New entry di quest'anno, ha fatto la sua prima apparizione nella serie «di schiena», sorpreso da Cristina (Nicole Murgia) mentre era intento a cambiarsi nello spogliatoio della palestra dove lavora come istruttore di kick boxing. Per i due è stato subito colpo di fulmine.

Gabriele, sui siti gay impazzano le foto di lei «nudo»…

«Sì, lo so, me l'ha fatto notare una mia amica, consigliandomi di non digitare il mio nome su Google per un po'… Sono andato a vedere e mi ha fatto troppo ridere. In un sito hanno coperto il mio sedere con la scritta "hot", e gli hanno dato cinque stelline. È una roba allucinante, ma molto divertente».

Tutti se lo chiederanno: lei è single?

«Sì, e felice di esserlo».

Una buona notizia per le fan.

«E anche per i fan!» (ride)

In meno di una settimana sono nati il suo official fan club e la pagina su Wikipedia. Questa improvvisa popolarità la sorprende?

«Diciamo che non me l'aspettavo in questo momento. Avevo già girato L'onore e il rispetto per una rete concorrente (Canale 5, ndr) e nonostante lì avessi un ruolo più grande, quasi da protagonista, giornali e televisioni non si erano interessati a me come adesso…».

Forse è complice il fatto che il suo personaggio, Raul, è un adolescente sieropositivo.

«Sicuramente la cosa ha destato scalpore. Era la prima volta che una fiction italiana affrontava un tema così delicato, per di più in prima serata su Rai Uno. Ma credo l'abbia sdoganato molto bene».

Leggendo il copione non aveva avuto alcuna esitazione?

«Io ho firmato senza sapere cosa sarebbe successo… Mi avevano soltanto detto che Raul prima o poi avrebbe rivelato un segreto, ma di cosa si trattasse l'ho scoperto durante le riprese. È stata una sorpresa anche per me, e ho avvertito subito anche una grande responsabilità».

Grazie a Raul ha imparato qualcosa sull'Aids?

«Che il virus dell'Hiv non determina per forza la malattia e che un sieropositivo deve sottoporsi a continui monitoraggi ma può comunque condurre una vita normalissima, se pur con qualche ansia in più».

In Tutti pazzi è istruttore di kick boxing, nella vita pratica qualche sport?

«Nasco ballerino - ho studiato anche a New York -  e continuo a fare danza: ho una compagnia e stiamo portando in scena un balletto con coreografie mie. Quello alla recitazione è stato un bel passaggio: il ciak mi dà la stessa adrenalina del ballo. Per interpretare Raul ho seguito due mesi di kick boxing,  allenandomi fino a tre ore al giorno, ma l'agilità del ballerino mi ha aiutato: ogni tanto mi partiva la gamba a 180° … Sono molto più ferrato nei calci che nei pugni».

Vista la sua giovane età, la domanda è d'obbligo: progetti futuri?

«Al momento sono sul set dell'Isola di Alberto Negrin, una serie d'azione in tredici episodi per Rai Uno, con Blanca Romero e Andrea Giordana. Abbiamo iniziato le riprese due mesi fa e finiremo a ottobre. Il mio personaggio si chiama Marcello, ma per ora non posso direi di più».

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI

Sono Valentina tua fans da non moltissimo!!!!! ma ho recuperato. Indovina? viviamo nella stessa citta', ma non ci siamo mai incontrati.Peccato!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! Ti saluto e ti mando un bacio .In bocca al lupo per tutto.

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).