Rodrigo Guirao Diaz: «Io, Terra ribelle e la bellezza»

06 giugno 2010 
<p>Rodrigo Guirao Diaz: «Io, Terra ribelle e la bellezza»</p>

Rodrigo Guirao Diaz, 30 anni, argentino. Segno particolare: bellissimo. Le ragazze che seguono Il mondo di Patty già lo sanno, e impazziscono per il suo Nicola. Le altre lo scopriranno questo autunno, quando Raiuno manderà in onda Terra ribelle, sei puntate di amori e cavalcate nella Maremma dell'Ottocento, girate in Argentina (le riprese sono appena terminate) da Cinzia Th Torrini, la regista di Elisa di Rivombrosa.

Chi è Andrea, il suo personaggio?
«Un ragazzo che lavora e che viene da umile famiglia. È un buttero, carismatico, allegro e ingenuo. È figlio unico e sua madre fa la serva. Lui ama la sua terra e il suo cavallo come nessun altro. Le difficoltà che gli tocca affrontare fanno sì che diventi un uomo che cerca vendetta, per provare la sua nobiltà e il suo amore».

È soprattutto un bellissimo uomo. Quanto conta la bellezza?
«Conta di più il carisma, la capacità naturale di essere un leader. Il mio personaggio è un uomo nobile di grandi sentimenti. Ciò che lo rende bello è la sua sensibilità e la sua ribellione».

E lei come vive il suo aspetto fisico? Le piace piacere alle ragazze, essere corteggiato...?
«Prendo molto più sul serio la mia carriera. Certo, Andrea deve essere di gradevole aspetto, e quindi mi sono dato da fare per essere all'altezza».

Non faccia il modesto.
«Ma sì, sono consapevole che un bel fisico è importante se vuoi fare l'attore, perché devi conquistare le spettatrici: è questo l'effetto che si vuole ottenere con la Tv».

L'intervista completa la trovate sul numero 23 di Vanity Fair, in edicola il 9 giugno.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
francesca 74 mesi fa

come si fa a non innamorarsi di un bel ragazzo cosi affascinante e seducente

carlita 78 mesi fa

bellissimooo...!!! PD: rodri te extrañamos en Argentina..!!

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).