La fiction lesbo diventa un reality

14 giugno 2010 
<p>La fiction lesbo diventa un reality</p>

Il mondo saffico non avrà più segreti: parte il 20 giugno, negli Stati Uniti, su Showtime, The Real L Word,reality ispirato alla serie di successo The L Word (andato in onda in Italia su La7 e sul canale satellitare Jimmy), che per prima ha rotto i tabù sull'amore lesbo.

Il programma è ideato da Ilene Chaiken, stessa autrice del telefilm che, dal 2004, ha raccolto milioni di fan sia tra i gay, sia tra il pubblico etero.

Il reality, come la serie, è ambientato a Los Angeles e vede sei protagoniste comprese tra i 27 e i 37 anni, molto eterogenee e tutte molto glamour.

C'è la bionda Mikey, con le braccia coperte da tatoo, Witney, lunghi capelli rasta e indole passionale. E ancora Rose, seduttrice seriale, Tracey che, da quando ha rivelato il suo orientamento sessuale, ha incrinato il rapporto con la madre e infine la coppia che sogna di convolare a nozze: la timida Jill e la business-woman Nikky, che ha alle spalle un matrimonio  con un uomo e che, ha rivelato, è stata fidanzata con il fratello di Jill «era destino che rimanessi in famiglia».

Lo scopo del programma, come quello della serie, è di abbattere cliché e pregiudizi e mostrare il mondo gay femminile senza tabù.

Come accadeva nel telefilm ci sono baci e carezze, ma anche scene di sesso esplicite. Le sei protagoniste sono seguite durante l'intera giornata svelando storie autentiche e complicate senza trascurare il lato glamour. Come il serial tv, anche il reality è infatti molto patinato: bei vestiti e atmosfere fashion sono una costante e ricordano un po' Sex and the city.

Sul programma si sono già scatenati blog e forum anche italiani e i filmati con il trailer dello show sono già cliccatissimi.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).