Britney Spears: papà, dammi più soldi

20 gennaio 2010 
<p>Britney Spears: papà, dammi più soldi</p>
PHOTO GETTY IMAGES

Sembra che Britney Spears abbia trovato un modo per aggirare il tetto massimo di spesa di 1500 dollari a settimana che le è stato imposto dal suo tutore, il padre Jamie ( che per questo ingrato compito percepisce 16mila dollari al mese). Dal 2008, infatti, in seguito all'esaurimento nervoso che costò a Britney la perdita dell'affidamento dei due figli, le finanze della cantante sono sotto la "conservatorship" del padre. Questo regime di "austerità", però, non ha fermato la star di Gimme more dall'acquistare due costosi paia di stivali da Steve Madden a Los Angeles. Al momento del pagamento, la popstar ha sfoderato con nonchalance la carta di credito … del suo bodyguard. Quando il personale del negozio ha tentato di rifiutare il pagamento, Britney, la star più cliccata sul web negli ultimi dieci anni, li ha stupiti dicendo che la carta di credito era di un suo dipendente e che quindi lei era autorizzata ad usarla. Papà Jamie sarà costretto a mettere un plafond anche alle carte di credito della security? Eppure, la Barbie d'America, com'è stata soprannominata, si meriterebbe una paghetta un po' più generosa visto che solo con il tour del suo ultimo album, Circus, del 2009 ha procurato alle casse paterne quasi 83 milioni di dollari. Pare però che Britney sia arrivata al colmo: secondo quanto ha riportato il quotidiano News of the World, la settimana prossima, la popstar avrà un incontro con la corte superiore di Los Angeles proprio per cercare di riottenere il totale controllo delle sue finanze.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).