Gordon Brown tira calci ai mobili. Lo dice un libro

11 febbraio 2010 
<p>Gordon Brown tira calci ai mobili. Lo dice un libro</p>
PHOTO GETTY IMAGES

Urla allo staff. Butta per aria fogli di carta. Tira calci ai mobili. Così si comporta Gordon Brown, quando perde le staffe. È quanto sostiene un libro bomba, intitolato .Where Power Lies Prime Ministers vs The Media (Dove c'è potere.Il primo ministro contro i media), destinato a causare non pochi danni al premier britannico, che proprio nei giorni scorsi era riuscito a recuperare qualche punto, nei già poco confortanti sondaggi in vista delle elezioni di maggio. L'autore dello scottante tomo è Lance Price, un tempo braccio destro dell'ex responsabile della comunicazione di Tony Blair, Alistair Campbell. Price ha raccolto le testimonianze di alcuni dipendenti, vecchi e nuovi, di Downing Street, tratteggiando il leader laburista come una persona dispotica, ossessiva, prona a scatti d'ira e con tendenza all'autocommiserazione. «È psicologicamente ed emotivamente incapace di qualsiasi tipo di leadership», si è spinto un insider, che naturalmente ha voluto mantenere l'anonimato. Altri accusano Brown di indebolire intenzionalmente gli altri membri del suo governo, incluso il cancelliere dello Scacchiere Alistair Darling, con briefing negativi, davanti alla stampa, sul loro conto. Il libro ha causato un putiferio fra gli alleati del premier. «Lance Price non ha alcuna idea di quello che succede a Downing Street», ha dichiarato un portavoce di Mister Brown. «Molto tempo fa - ha proseguito - ci ha trascorso circa 10 minuti. Suggerire con questo che si tratti di una persona informata sull'operato di Gordon Brown, francamente è risibile», ha sottolineato, concludendo che «il mondo di Downing Street secondo Lance Price, è pura fantasia».

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).