La vita di Imelda Marcos diventa un musical.

23 febbraio 2010 
<p>La vita di Imelda Marcos diventa un musical.</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

'Here Lies Love' - questo il titolo dell'opera ispirata all'ex First Lady delle Filippine - è il frutto della collaborazione di David Byrne, ex cantante dei Talking Heads, e del DJ Fatboy Slim, e si preannuncia già come il nuovo Evita. Per completare i 22 brani che la compongono, Byrne e Cook hanno impiegato 5 anni: il primo ha scritto testi e melodie e il secondo ha contribuito con basi musicali ritmate. Il risultato è un doppio CD in uscita ad aprile e interpretato da vocalist di fama mondiale come Cindy Lauper, Tori Amos e Florence Welch della band Florence and the Machine. Here Lies Love (qui giace l'amore) è l'epitaffio che la Marcos vorrebbe avere sulla sua tomba, perché - come aveva detto una volta in un discorso che fece davanti all'Assemblea delle Nazioni Unite - riassume perfettamente la sua vita 'dedicata alla bellezza e all'amore'. Già perché l'album non si sofferma tanto sul ventennio di dittatura nelle Filippine dei coniugi Marcos, quanto sulla vita festaiola di Imelda e la sua passione per la musica dance  che la portava a ballare fino alle prime ore del mattino insieme a Warhol e altri fashionistas allo Studio 54, ogni volta che passava da New York. L'ex First Lady fece addirittura costruire una pista da ballo con tanto di palle di specchio rotanti all'ultimo piano del palazzo presidenziale. Il musical, che è già stato portato sul palco con rappresentazioni minori al Bank Festival di Adelaide in Australia e alla Carnegie Hall di New York, contiene però una curiosa lacuna. Non fa riferimento alla famosa collezione di tremila paia di scarpe , la cui scoperta a fine anni Ottanta fece parlare di Imelda in tuitto il mondo.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).