Pete Doherty arrestato per la morte di un'ereditiera

23 marzo 2010 
<p>Pete Doherty arrestato per la morte di un'ereditiera</p>
PHOTO - KIKAPRESS - KIKA PRESS

Ci risiamo. Pete Doherty è stato arrestato nei giorni scorsi in connessione con la morte per overdose della regista ed ereditiera Robin Whitehead.

Sembra che all'origine del fermo vi sia il sospetto che sia stato proprio lui a procurare la droga che ha ucciso la giovane ventisettenne, trovata senza vita lo scorso 24 gennaio in un appartamento a Homerton, quartiere ad est di Londra. La Whitehead, nipote di Teddy Goldsmith dell' omonima dinastia di banchieri, avevada poco finito di girare The Road to Albion, un documentario sull'ex band di Doherty, The Libertines, e aveva trascorso parecchio tempo con il cantante. Una scena del documentario, mostrerebbe persino il rocker 31enne in compagnia di amici mentre si fa di eroina e crack nell'appartamento in questione. Pare che Doherty avesse lasciato la casa poco prima che lei morisse, lasciando dietro di sè una cospicua scorta di stupefacenti. Il migliore amico del musicista, Peter Wolfe, che trovò il cadavere della ragazza, ma negò che lei avesse preso la droga, e la 53enne Gill Samworth, proprietaria dell'appartamento, sono anche stati fermati, ma con l'accusa di aver tentato di pervertire il corso della giustizia. Mentre il musicista 28enne Alan Wass è stato arrestato, in quanto sospettato di avere fornito insieme a Pete, la dose letale. I quattro sono stati interrogati in una stazione della polizia di Londra e sono stati poi liberati su cauzione. Doherty però dovrà ripresentarsi davanti le autorità in aprile.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).