Sandra Bullock, aria di divorzio con il marito Jesse James

23 marzo 2010 
<p>Sandra Bullock, aria di divorzio con il marito Jesse James</p>
PHOTO SPLASH NEWS

Finisce dagli avvocati, il matrimonio tra l'attrice Sandra Bullock, 45 anni, e il marito meccanico Jesse James, 40. Si erano sposati nel 2005. Lei, fresco Premio Oscar 2010 come migliore attrice protagonista per The blind side, ha scoperto che il marito, già legato prima di lei a una pornostar con cui aveva avuto una bambina, mentre lei era sul set, lo tradiva con un'altra del giro. Tal Michelle McGee, conosciuta come "Bombshell", "Bomba sexy", oltre che per il corpo tutto tatuaggi (svastiche comprese, in onore delle sue simpatie naziste). James, ha poi confessato il tradimento. E la Bullock, racconta il sito TMZ.com, sarebbe corsa già dagli avvocati divorzisti: gli stessi che avrebbero "risolto" gli addii di Charlie Sheen, Heather Locklear e Michael Jackson.
Un altro guaio, per l'uomo. Che presto, oltre la Bullock, potrebbe perdere anche la figlia: perché anche l'ex moglie, Janine Lindemulder, ha deciso di dargli battaglia legale per avere l'affidamento della figlia Sunny, sei anni, che fino a oggi ha vissuto con il papà e l'attrice premio Oscar in virtù di uno stato di reinserimento sociale della donna, evasore fiscale.
Intanto, «per imprevisti motivi personali» la Bullock non è andata alla premiere berlinese del suo film ieri sera, 22 marzo, e ha annullato quella britannica di domani, mercoledì 24 marzo. Oltre ad affrettarsi a cambiare il suo status su Facebook da "married" a "single". Pensare che meno di due settimane fa, con la statuetta in mano, l'aveva ringraziato commossa, il marito: perché le aveva insegnato, per la prima volta nella vita, cosa volesse dire «avere una persona che ti guarda le spalle».

 

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).