Amanda Seyfried: «Che ridere le scene di sesso con Julianne Moore»

05 marzo 2010 
<p>Amanda Seyfried: «Che ridere le scene di sesso con Julianne
Moore»</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

È una delle star più hot del momento: Amanda Seyfried, 24 anni, è diventata famosa con Mamma Mia!, ma film come Jennifer's Body e l'attuale Chloe -tra seduzione e inganno, (remake del film di Anne Fontaine Nathalie e diretto da Atom Egoyan) hanno messo in luce il suo sex appeal. Nel film, infatti, Amanda è la Chloe cui fa riferimento il titolo, una irresistibile escort "noleggiata" da Catherine (Julianne Moore) affinché seduca il marito (Liam Neeson) testandone così la presunta infedeltà. Ma il comportamento provocante di Chloe inizia ad ossessionare anche Catherine, con risvolti pericolosi.

Cosa l'ha attratta del suo ruolo?
«La sfida, perché sono agli inizi e non so resistere al richiamo di personaggi complessi, con più personalità, che per di più non hanno nulla in comune con me».


Ha avuto difficoltà a relazionarsi con qualcuno così diverso da lei?
«Sì, all'inizio è stato difficile, era come avere tanti personaggi in un solo ruolo. Ma poi ho assorbito tutte le "facce" di Chloe e ne ho fatto un'unica persona, non saprei come spiegarlo meglio. È stata una vera soddisfazione».

Prima il bacio con Megan Fox e ora le scene intime con Julianne Moore. Ma lei è davvero così disinibita?
«Tutt'altro. Quando giri scene di contatto fisico, che siano baci o sesso, si tratta solo di tecnica. Spesso il regista ti mostra esattamente cosa ha in mente e tu devi solo copiarlo».


E lo è stato?
«Ridevamo sempre! Julianne rende le cose semplici, ha un approccio divertente alle cose, fa battute, racconta barzellette, e mi ha trattata subito come una sua pari … ma wow, lei è Julianne Moore!».

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).