Che depressione per la nipote dell'imperatore del Giappone

09 marzo 2010 
<p>Che depressione per la nipote dell'imperatore del Giappone</p>
PHOTO GETTY IMAGES

Prima la moglie, poi la figlia. Il principe Naruhito, erede al trono del Giappone, non ha di che rallegrarsi. Dopo aver trascorso gli ultimi 6 anni a prendersi cura della moglie Masako, che soffre di una grave forma di depressione, ora deve occuparsi dei disturbi psicosomatici della sua bambina, la principessa Aiko.

La nipotina dell'Imperatore del Giappone, infatti, ad appena 8 anni soffre di ansia e dolori allo stomaco, che negli ultimi tempi le hanno impedito di andare a scuola. Secondo l'Agenzia della Casa Imperiale, la salute della principessina, unica figlia di Naruhito,  ha risentito del "rude comportamento" dei compagni di classe dell'istituto scolastico Gakushuin, che la giovane reale frequenta a Tokyo.

I disturbi della piccola sono un duro colpo per la famiglia imperiale giapponese. Il malessere della madre di certo non ha aiutato la bimba. Le pressioni perché avesse un erede maschio e l'obbligo di conformarsi alle antiche tradizioni della famiglia imperiale, avrebbero contribuito a fare ammalare la moglie di Naruhito, che prima di sposarsi aveva fatto una brillante carriera diplomatica al ministero giapponese per gli Affari esteri. La nascita di Aiko, avvenuta 8 anni dopo il matrimonio della coppia, aveva acceso un vivace dibattito sulla riforma della legge che regola la successione al trono in Giappone, la quale, emanata nel 1947, continua a favorire i primogeniti maschi.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Ileana 81 mesi fa

Un'istitutrice privata PER FAR RIMETTER IN SESTO LA PICCOLA aIKO E AMICHETTI PIù SELEZIONATI PER RENDERLA ATTIVA E VIVACE. NON DOVREBBE ESSERE UN PROBLEMA. a vOLTE ESSERE TROPPO DEMOCRATICI NON RIPAGA AHIME'

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).