Michael Jackson: si è trattato di suicidio?

07 aprile 2010 
<p>Michael Jackson: si è trattato di suicidio?</p>
PHOTO SPLASH NEWS

Secondo il legale di Conrad Murray, il medico personale di Michael Jackson,  si sarebbe trattato di suicidio. Durante l'udienza che ha visto il proprio assistito accusato di omicidio colposo, infatti, l'avvocato di Murray ha sostenuto la tesi secondo la quale la popstar si sarebbe somministrata da sola la dose letale di Propofol.

Secondo la difesa, infatti, il dottore avrebbe iniettato al cantante una dose minima del medicinale in grado di farlo dormire al massimo per 10 minuti. Secondo quanto ha riportato il sito Tmz, il Dr. Murray avrebbe raccontato di aver lasciato da solo Michael Jackson solo per 2 minuti durante la notte del 25 giugno, e che durante questo minimo lasso di tempo la popstar si sarebbe iniettata un'altra dose di sonnifero. Quella letale.

La tesi sostenuta dal legale di Murray è quindi quella del suicidio. Tesi che, se accettata, scagionerebbe completamente il proprio assistito. Se invece la teoria difensiva di Murray non dovesse convincere il giudice, il medico rischierebbe 5 anni di carcere.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).