Miley Cyrus: «Liam? Troppo bello per me»

27 aprile 2010 
<p>Miley Cyrus: «Liam? Troppo bello per me»</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Cantante, attrice, teen idol, ha deciso un giorno di dire basta ad Hannah Montana, lo show tv che l'ha resa celebre e di cui sta girando la quarta e ultima stagione. Qualche mese dopo era pronto il copione di The Last Song,al cinema il 30 aprile, che arriva in questo aprile nei cinema di tutto il mondo.

Nel cast del film, quello che sarebbe diventato il  suo fidanzato: Liam Hemsworth, fustone australiano ventenne. «Ero un po' nervosa, quando l'ho incontrato ai provini. Colpa dell'altezza: pensavo che, per non farmi sfigurare, avrebbero dovuto mettermi sotto i piedi una cassetta della frutta. Ero intimidita, io che di solito intimidisco gli altri. Ma Liam è stato molto galante, mi ha aperto la porta, e in quel momento ho sentito che la parte doveva andare a lui, che era quello che speravo. Però non volevo essere io a decidere: troppa responsabilità», ha dichiarato l'attrice a Vanity Fair.

Liam è stato comunque scritturato, e vi siete innamorati. Come l'ha corteggiata?
«Mi mandava sms, email. Ne ero felice e l'impulso era di rispondere subito, ma non lo facevo: bisogna sempre fare aspettare i ragazzi prima di rispondere. E poi, non è neanche il mio tipo: non fosse stato così gentile, non l'avrei mai preso in considerazione».

Perché, che cos'ha che non va?
«È troppo bello. In genere non punto ai ragazzi che sembrano usciti da uno spot televisivo».

Poteva non rispondere ai suoi sms, ma non poteva rifiutarsi di baciarlo: lo imponeva la sceneggiatura. Sono stati i primi baci tra voi?
«Sì, e la colpa è mia: avevo chiesto io a Sparks di mettere nel copione un ragazzo sexy, e almeno un bacio».

L'intervista completa su Vanity Fair n.17/2010 in edicola dal 28 aprile

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).