Mel Gibson torna nella bufera per insulti razzisti (e violenze) alla ex

10 luglio 2010 
<p>Mel Gibson torna nella bufera per insulti razzisti (e violenze)
alla ex</p>

«Sei esci così sarai stuprata da un branco di negri. Sei tu che li provochi. E' colpa tua. Sei una brutta puttana di Las Vegas. Una cagna. E poi mi hai mentito sui seni finti». 

Parole volgari e anche razziste. A pronunciarle Mel Gibson. Ad ascoltarle e soprattutto registrarle, l'ex compagna, la cantante russa Oksana Grigorieva, 40 anni.

L'audio, pubblicato sul sito Radar rischia di essere ora un'arma davvero letale per l'attore australiano, accusato di violenza domestica nell'ambito del processo per l'affido della piccola Lucia, figlia della coppia, che ha 8 mesi.

In una parte della registrazione, infatti, la Grigorieva dice espressamente: «Quale uomo colpisce una donna che tiene in braccio un bambino, rifilandole schiaffi in faccia?».

«Sai una cosa? Te lo sei meritato». La risposta di Gibson suona come una conferma delle violenze alla donna. L'attore già nel 2006 era finito nei guai per insulti razzisti contro ebrei e latinos, lanciati dopo che la polizia lo aveva fermato in auto.

La successiva ritrattazione era parsa già al tempo tardiva. Anche stavolta l'entourage dell'attore tace, ma intanto Gibson è stato di nuovo isolato da Hollywood, che non può tollare gli insulti ai neri. Anche l'agente storico Ari Emanuel, fratello di Rahm, il consigliere più stretto nonchè portavoce di di Barack Obama, lo avrebbe abbandonato.

- LA EX DI MEL GIBSON LO ACCUSA DI VIOLENZE DOMESTICHE

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Shanoa 77 mesi fa

Che schifo!!

Barbara 77 mesi fa

La bambina di Gibson e Grigorieva ha otto mesi, non otto anni. E i due non sono mai stati sposati...

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).