Emily Blunt e John Krasinski sposi sul lago di Como

12 luglio 2010 
<p>Emily Blunt e John Krasinski sposi sul lago di Como</p>
PHOTO SPLASH NEWS

Matrimonio italiano (e blindatissimo) per la coppia di Hollywood Emily Blunt e John Krasinski. I due attori, 27 anni lei e 30 lui, che solo alla fine dell'anno scorso avevano ufficializzato la loro unione (dopo due anni insieme), sabato scorso hanno pronunciato il fatidico sì sulle sponde del lago di Como.

La cerimonia si è svolta nella incantevole residenza di Villa d'Este a Cernobbio, a pochi metri dalla famosa villa di George Clooney a Laglio. Proprio il (già) divo di E.R., prossimamente in The American di Anton Corbijn, sarebbe stato uno dei testimoni, presenziando insieme alla compagna italiana Elisabetta Canalis. Tra gli invitati anche la supermodella americana Tyra Banks, l'ex agente Bourne Matt Damon con la moglie Luciana Barroso ( in attesa del loro terzo bebè) e il (pluri)premio Oscar Meryl Streep, che è stata collega di set sia della sposa (nella fortunata commedia del 2006 Il diavolo veste Prada) sia, più di recente, dello sposo (in È Complicato).

Dopo la festa, i neosposini hanno trascorso la loro prima notte di nozze presso il nuovissimo resort di lusso CastaDiva, che sorge all'interno di Villa Roccabruna (dimora del XVIII secolo in stile rinascimentale, già residenza della soprano Giuditta Pasta che interpretò anche l'aria di Bellini da cui prende il nome il resort), a Blevio.

Vari ma vani sono stati i tentativi dei paparazzi di rubare un'immagine della cerimonia (qualcuno anche rocambolesco: c'è chi ha affittato un aereo per provare a immortalarla dall'alto e chi si è imbarcato su un Concordia per tentare l'«assalto» via lago). La festa si è svolta nel riserbo più assoluto.

LEGGI TUTTE LE NEWS RIGUARDANTI EMILY BLUNT E JOHN KRASINSKI

 

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Mirka 77 mesi fa

Ma nelle foto sui blog non c'è la Canalis!

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).