Paris confessa: avevo con me della cocaina

21 settembre 2010 
<p>Paris confessa: avevo con me della cocaina</p>
PHOTO KIKA PRESS

-LO SPECIALE: RAGAZZE ALLO SBANDO

-LA GALLERY: PARIS ALLE HAWAII COL FIDANZATO

Paris Hilton  confessa ed evita il carcere. «Avevo la cocaina e sono stata di ostacolo a un pubblico ufficiale». Dopo essere stata fermata alcuni giorni fa per un controllo fuori da una discoteca  l'ereditiera si è presentata in un'aula del tribunale di Las Vegas, dove un pubblico ministero l'ha avvertita che qualsiasi violazione dei suoi termini di sospensione condizionale della pena potrebbe portarla a un anno di prigione.

-LA GALLERY: PARIS CHAMPAGNE A SAINT TROPEZ


Così Paris si è dichiarata colpevole di possesso di cocaina e di ostacolo a un pubblico ufficiale. Pagherà un'ammenda di 2.000 dollari e sconterà 200 ore di servizio comunitario.
«Se sarà arrestata per qualsiasi cosa più grave di una piccola infrazione stradale, trascorrerà un anno in prigione », è stato il monito del procuratore distrettuale della contea di Clark, David Roger, «Non ci sarà alcuna discussione. Il giudice non avrà alcun margine discrezionale».

LA GALLERY: PARIS IN TOPLESS IN SARDEGNA


La Hilton è stata arrestata il 27 agosto a Las Vegas mentre era a bordo di un'automobile fermata dalla polizia. Nella sua borsetta Chanel c'erano alcuni lucidalabbra e dalla quale è caduto un sacchetto contenente 0,8 grammi di cocaina. L'ereditiera, 29 anni, precedentemente aveva scontato 45 giorni di carcere per ripetute infrazioni alla guida.

 

-LA GALLERY: PARIS ALLE HAWAII COL FIDANZATO

- C'E' UN LADRO A CASA DI PARIS, MA LEI LO FA ARRESTARE

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Ilovemode 75 mesi fa

Una cretina e fatemi passare il termine che ha tutto dalla vita senza essere un minimo RICONOSCENTE... vergognaaaaaaaa

elena 75 mesi fa

tanto c'è il nonno che paga!questa è la persona più inutile che ci sia!

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).