David Beckham: «Non vado con le prostitute»

26 settembre 2010 
<p>David Beckham: «Non vado con le prostitute»</p>
PHOTO SPLASH NEWS

GUARDA LE FOTO DI BECKHAM CON LA FAMIGLIA

Prima la replica sui giornali. «Queste insinuazioni sono false e ridicole». Poi l'azione legale. David Beckham, 35 anni, ha presentato querela al tribunale di Los Angeles contro la rivista americana In Touch per avere pubblicato un servizio secondo cui l'ex capitano dell'Inghilterra (ora all'americana Galaxy) si sarebbe intrattenuto con alcune prostitute. Querelata anche Irma Nici, 26, occhi verdi smeraldo, la donna di origini bosniache che avrebbe dichiarato alla rivista statunintense di avere avuto una relazione col campione inglese. La donna, dopo avere trascorso da ragazza un periodo in un campo profughi bosniaco a causa della guerra nell'ex Jugoslavia, avrebbe lavorato per una agenzia di escort tra Londra e New York, richiedendo tariffe molto elevate per le sue prestazioni. Tra i clienti, ci sarebbe stato anche Beckham. Tra i due, però, dopo qualche incontro, sarebbe nato qualcosa di più: la passione vera. Il primo a rivelarlo è stato un ex fidanzato di Irma dopo avere scoperto la loro relazione nel diario della donna. Beckham ha reagito stizzito, andando in tribunale.

Ci sono, però, alcuni precedenti che fanno un po' dubitare della fedeltà coniugale del bel calciatore. Nel 2005, quando giocana nel Real Madrid avrebbe vissuto quattro intensi mesi di amore con la sua assistente  Rebecca Loos, poi querelata per avere rivelato la liaison. Contemporanemente David avrebbe avuto altre due amanti: la modella Sarah Marbeck, sua innamorata per due lunghi anni, ed Esther Canadas, altra splendida indossatrice spagnola. Lui, però, nega, nega sempre e va dal giudice.

 

GUARDA LE FOTO DI BECKHAM CON LA FAMIGLIA

SFOGLIA LO SPECIALE MONDIALI DI CALCIO 2010

VOTA IL CALCIATORE PIù BELLO

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).