Gli inglesi: «Carlo lascia il trono», ma William lo difende

29 novembre 2010 
<p>Gli inglesi: «Carlo lascia il trono», ma William lo difende</p>

GUARDA LA GALLERY DEI DUE REALI A CONFRONTO

Il principe Carlo d'Inghilterra può tirare un sospiro di sollievo. Il principino William, fa sapere, che non vuole togliere il trono al padre. Fonti di palazzo reale dicono che William «non ha alcun desiderio di guadagnare posizioni» sulla scala per diventare sovrano. «Nella sua mente non ci sono dubbi che Carlo sarà il prossimo re», alla morte della regina Elisabetta, aggiungono.

Il giovane principe è consapevole che il suo fidanzamento ufficiale con Kate Middleton e l'annuncio che si sposeranno il 29 aprile 2011 hanno creato un'ondata di entusiasmo popolare e aumentato il desiderio di vedere sul trono un giovane re. William, tuttavia, sa che i suoi sudditi lo amano più di quanto amino il padre. E a conferma è arrivato un sondaggio che ha rivelato che due terzi dei cittadini britannici preferirebbero che William diventasse re, quando non ci sarà più la regina Elisabetta, piuttosto che Carlo. Ma lui non è d'accordo.

«È molto legato a suo padre e lo appoggia in modo incredibile», spiega al Sunday Telegraph una fonte di Buckingham Palace. William, addirittura, evita di partecipare agli eventi in cui compare Carlo, per non rubargli la scena. La presenza al suo fianco di una fidanzata e presto sposa affascinante come Kate, già ribattezzata «la nuova Diana», rendeancora più evidente il contrasto con Carlo e la sua seconda moglie Camilla, la «matrigna» di William, come la definiscono quelli a cui non sta simpatica. E sono molti.

GUARDA LA GALLERY DEI DUE REALI A CONFRONTO

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lallala_ 73 mesi fa

E comunque non c'è paragone tra i due...

Lallala_ 73 mesi fa

Il più è che HRH Elizabeth II abbia intenzione di lasciare il trono al figlio anziché al nipote... eheheh...

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).