Brad Pitt, eroe della ricostruzione di New Orleans

30 agosto 2010 
PHOTO SPLASH NEWS

SFOGLIA LA GALLERY: LE STAR PIU' BUONE

«Quel giorno ero in Canada, a girare L'assassinio di Jesse James. Non riuscivo a togliere gli occhi dalla Tv. Come'era frustrante vedere tutta quella gente gridare aiuto lì sui tetti: orribile. Pensavo: ma noi in America non dovremmo essere capaci di fare di meglio? E invece sembrava che tutti sbagliassero a ogni livello: federale, statale, locale… Me lo sono detto d'istinto: qui bisogna trovare un modo per restituire le case a questa gente». Brad Pitt ricorda così, in un'intervista al quotidiano americano Times Picayune, il disastro di Katrina, che cinque anni fa spazzò via case e persone a New Orleans. E oggi l'attore è tornato nella città devastata dall'uragano (nella foto, Pitt con due ragazze della città ), per tenere fede al suo impegno: restituire una casa a chi l'ha persa. Il divo è diventato infatti l'eroe della ricostruzione del Lower Ninth Ward, il quartiere simbolo della città distrutta da Katrina e adesso costellato di case costruite dalla sua fondazione Make It Right, che ha coinvolto nel progetto i più grandi architetti del mondo. «Mi sono detto: facciamo vedere che siamo capaci di fare la differenza. Troppo spesso diamo alle vittime dei disastri case realizzate con materiali scadenti. Però sono stati gli argini costruiti male a distruggere le vite di queste persone», spiega Brad Pitt, «Così mi sono detto: proviamo a costruire delle case che rispondano a questi problemi. Dobbiamo farci perdonare 1.500 morti. Dobbiamo riparare a questa grande ingiustizia».  La ricostruzione del Lower Ninth Ward potrebbe essere solo il punto di partenza per iniziative simili in altre comunità. Intanto anche Brad Pitt ha messo su casa a New Orleans, proprio nel quartiere ricostruito dalla sua fondazione, e in tanti pensano ora al divo per il posto di sindaco o di governatore. Un'eventualità che Pitt ha stroncato con una battuta: «Figuriamoci: con il mio passato? Dio mio: chissà gli scheletri che potrebbero uscire dal mio armadio».

SFOGLIA LA GALLERY: LE STAR PIU' BUONE

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).