Una rosa per Antonella Clerici

17 febbraio 2010 
<p>Una rosa per Antonella Clerici</p>
PHOTO KIKA PRESS

Una rosa rossa ad Antonella Clerici, davanti a 11 milioni di spettatori. E quattrocento rose rosse a gambo lunghissimo in camerino per la sua fidanzata, Carolina Marcialis. Un gesto privato d'amor cortese, prima della diretta dall'Ariston: 400 rose rosse da 5 euro l'una. Antonio Cassano, a conti fatti, per far arrossire la sua futura sposa, ha speso ben 2000 euro. Un po' meno, forse, rispetto all'anno passato, quando ne aveva fatte recapitare a Michelle Hunziker ben 500.
La Clerici ne basta una sola, già che ha il camerino e la suite d'albergo che straripano di omaggi floreali. Quanto alle sue preferenze, sembra abbia richiesto a inizio Festival bouquet sui toni del giallo, bianco, rosa. Arrivano puntuali ogni giorno alle 18.30 e da parte di vari mittenti: dal Comune di San Remo e dal marito. Memorabile quello di girasoli che Francesco Facchinetti le spedì dopo che lei l'aveva eletto suo successore prediletto al Festival.
Puntuali, gli omaggi vengono accolti da Antonella calorosamente, come li aveva apprezzati a suo tempo Ilary Blasi, tra le donne del Festival. Mica come Victoria Cabello, che sbruffando li rispediva al mittente, o li faceva lasciare fuori dalla porta, a terra, senza neanche dare un occhiata al biglietto.
La Clerici, stasera - è un'esclusiva - si dondolerà anche su un'altalena decorata di fiorellini bianchi. E sarà un momento importante per la città dei fiori, visto che ormai ha perso lo smalto di un tempo: sul palco, infatti, di fiori, non se ne vedono più.
Questa sera la Clerici si contenderà il palco e i coque con una vera regina: Rania di Giordania. Per lei è in arrivo un mazzo di fiori direttamente da Paolo Bonolis.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
MARIA ROSARIA 79 mesi fa

ANTONELLINA MIA TI ADORO.

Antonella, ma ci sei o ci fai? E' facile fare Sanremo con le "spalucce" che ti sei procurata. Che dirti? E io pago. Cosa importa se milioni di italiani fanno la fila alla mensa dei poveri? Se padri che non riescono a sfamare i propri figli preferiscono farla finita.Se persone come me sono iscritte all'Ordine dei Biologi ma,passano il tempo a casa a pensare che "domani è un altro giorno",ma tutti i giorni sono uguali. Ti assicuro che a 50 anni non è facile metabolizzare che tu e la tua sorella gemella, costituisci un nucleo familiare(che parola grossa) senza alcun reddito e del quale lo stato si ricorda solo al momento di inviarti la letterina con scritto: caro elettore consentimi. Che vergogna! Sperperare in questo modo i saldi degli italiani che con 400 euro al mese pagano le tasse per quelli che ne guadagnano 400:000.000

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).