Manuel Dallan, «Mio fratello sta bene ma sono arrabbiato con l'Isola»

26 febbraio 2010 
<p>Manuel Dallan, «Mio fratello sta bene ma sono arrabbiato con
l'Isola»</p>
PHOTO KIKA PRESS

Buone notizie per i parenti dei naufraghi dell'Isola dei famosi 7 in Nicaragua. Denis Dallan (nella foto), che era stato ricoverato in ospedale dopo la brutta caduta dall'elicottero in un metro d'acqua, ora sta meglio e potrà presto tornare sull'Isola per riprendere il reality. Il rugbista era stato ricoverato per accertamenti dopo una distorsione al ginocchio e alla caviglia. «La notizia mi è stata confermata da Giorgio Gori della Magnolia, che è in costante contatto con i medici di Managua», ha spiegato il direttore di Raidue, Massimo Liofredi, rassicurando sulle condizioni di salute di Dallan. Ma Manuel Dallan, fratello di Denis e rugbista del Venezia-Mestre, ha qualcosa da dirci.

 

Ha visto in diretta il tuffo di Denis?

«Sì. Sono stati 5 minuti di vera paura. Provo molta rabbia perché non sarebbe dovuto accadere. Sono sicuro che Denis si sarebbe buttato di testa, lui adora tuffarsi e lo fa sempre facendo capriole e acrobazie pazze, ringrazio Dio che si sia trattenuto. Sarebbe potuta succedere una vera disgrazia. Non ci voglio nemmeno pensare».

 

Ora che Denis è in ospedale avete potuto parlagli?

«Si, mamma lo ha sentito anche ieri sera. Lui vuole tranquillizzarci, sa che a casa siamo tutti in pensiero. Farà qualche giorno di terapia antinfiammatoria e poi tornerà sull'isola con gli altri».

 

Ci andrebbe a fare il naufrago in Nicaragua?

«Non lo so. Mi sono presentato con Denis alle selezioni, sapevamo che stavano cercando uno sportivo per cui siamo andati insieme. Poi hanno scelto solo lui. Ci sarei andato con mio fratello, siamo molto legati e ci saremmo divertiti tantissimo. Ora spero solo che si rimetta e che torni in gioco».

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).