Gabriele Salvatores: «Così ho affrontato la malattia»

04 marzo 2010 
<p>Gabriele Salvatores: «Così ho affrontato la malattia»</p>

«Avevo 30 anni, mi dissero che molto probabilmente era leucemia, che non sarei arrivato ai 35. Ero piuttosto preoccupato, anche se quelli veramente spaventati erano i miei genitori. In realtà, non ho mai pensato che la malattia sarebbe stata così grave da portarmi via». Così Gabriele Salvatores parla della sua esperienza con la malattia e di come un errore nella diagnosi ha rivoluzionato il suo modo di vedere la vita. «In momenti difficili come questi, gli altri sono la soluzione», spiega il regista, che nel suo nuovo film, Happy Family, al cinema dal 26 marzo, affronta il tema del dolore e della guarigione attraverso la storia di un avvocato cinquantenne - interpretato da Fabrizio Bentivoglio - cui hanno appena comunicato che ha un tumore inguaribile.

L'articolo completo lo trovate su Vanity Fair in edicola il 10 marzo.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
ada 81 mesi fa

e' tragico sapere all'improvviso di un male incurabile,anche a me è successa la stessa cosa ,invece avevo solo la rosolia.quei momenti mi hanno fatto capire che la vita è assurda e imprevedibile ed ora vivo giorno per giorno autenticamente,orsetta

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).