Aereo in ritardo, il ministro dei Trasporti si nasconde

26 marzo 2010 
<p>Aereo in ritardo, il ministro dei Trasporti si nasconde</p>
PHOTO GETTY IMAGES

Con chi ci si può lamentare per i ritardi aerei? Con la compagnia. O col ministro dei Trasporti. A meno che non si nasconda.

Martedì mattina, infatti, un volo Alitalia da Roma a Genova ha accumulato due ore di ritardo. I passeggeri erano inferociti e il ministro Altero Matteoli ha cercato di nascondersi, per non dover affrontare il malcontento. L´aereo doveva partire da Roma alle dieci e atterrare alle undici, giusto in tempo perché Matteoli potesse raggiungere, alle 11.30, una manifestazione elettorale. Ma il volo è arrivato all'una del pomeriggio. «Ho vissuto un certo disagio - ha raccontato Matteoli durante l'incontro - perché essendo ministro dei Trasporti non potevo neppure protestare. E mi sono nascosto perché avevo paura che gli altri passeggeri venissero a protestare con me». E se non con lui, con chi?

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).