Noemi Letizia, compleanno a Milano: «Niente Papi. Ora studio da attrice»

06 maggio 2010 

«Questa qui è una festa per giovani, in discoteca, Berlusconi che c'entra?». Noemi Letizia, la ragazza di Portici che un anno fa ebbe l'onore di avere il premier Silvio Berlusconi alla cena del suo diciottesimo anno a Casoria, si tratta bene. Per i suoi 19 anni, dopo un aperitivo con amiche e mamma a Napoli nel giorno vero del compleanno (il 27 aprile), la festa l'ha rifatta a Milano, in una delle discoteche più in voga della città, The Club. Con stuolo di paparazzi e curiosi ad aspettarla. Arriva alle 23, con mezz'ora di ritardo sull'appuntamento. Su tacchi altissimi di plexiglas. E in un abitino avorio punteggiato di piume e pagliuzze argentate. Il colore, è lo stesso del vestito di quella sera nella provincia napoletana che fece avviare le pratiche di divorzio tra Berlusconi e Veronica Lario. Porta al collo un collier. Stavolta non è però il regalo del premier. Berlusconi, «l'amico di famiglia» annunciato dal padre, l'ha chiamata per gli auguri provocandole «tanto piacere» perché l'ha «pensata». Le ha fatto un regalo? «Chi si fa i fatti suoi campa cento anni». Che regalo vorrebbe? «Felicità. Ho fatto un profumo che porta il mio nome. A Giugno ho il diploma all'istituto per grafici, da privatista. E poi vorrei fare l'attrice, mi sto preparando, ma questa storia mi ha anche danneggiato: c'è chi non vuole farmi un provino». Ha un modello? «Sophia Loren». Politica? «Non ne capisco niente, poca voglia».  
Noemi, tornata biondissima, fino a oltre le due di notte ha brindato con l'amico Carlo Fumo, regista giovanissimo che l'ha diretta nel cortometraggio Scacco matto, giocato ad affondare l'indice nella panna del suo millefoglie e a portarselo alle labbra con provocazione, schivato i cubetti di ghiaccio che la madre Anna - non doveva esserci, è stata una sorpresa - le infilava nel décolleté ora più sfrontato. Il chirurgo Orazio Vetrone, per l'occasione salito su con gli amici più stretti di Napoli, ha raccontato di averglielo ritoccato.
Un'ora di ballo sensuale nel privè  con l'amica e poi tutti a casa. Il «papi», in discoteca, stavolta non è venuto, neanche all'ultimo. Ma non perché coi suoi 73 anni non poteva scendere in pista. Precisa lei: «A Villa Santa Chiara a Casoria era una  cena di famiglia, seduti. Qui si balla».

 

> guarda la foto gallery di Noemi Letizia

> leggi Noemi Letizia, un anno dopo rifarei tutto

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI

@SiennaMiller: Grazie dell'intervento. Ce ne occupiamo perché riteniamo che sia una notizia.

SiennaMiller 79 mesi fa

Come mai un giornale di classe come il vostro si occupa di questa robaccia?

starsnstripe 79 mesi fa

povera piccola stupida italia

vale 79 mesi fa

ma chissene importa di questa qua? Ma che noia!

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).