Il Salone del divorzio, tra test del dna e trainer della seduzione

08 maggio 2010 
<p>Il Salone del divorzio, tra test del dna e trainer della
seduzione</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Finché divorzio non vi separi: ogni anno in Italia 50 mila matrimoni vanno a finire così. Per l'esercito, sempre più grande di chi deve rifarsi una vita (e magari, da separato, chiudere ancora con la precedente) a Milano c'è una due giorni ad hoc: il Salone del divorzio che si apre oggi alle 15 all'Hotel Marriott di via Washingtron 66 e continuerà domani, domenica, dalle 11 alle 22. Che si preoccupa di tutto: dal trasloco a eventuali test del Dna per i figli, fino alla caccia a un nuovo partner.

Il salone è una novità assoluta per l'Italia. E contempla ogni aspetto. Primo punto, il cambio di casa: ci saranno agenzie immobiliari, ditte di traslochi, arredatori e anche operai specializzati per ogni riparazione domestica (per chi non ha mai toccato un chiodo in vita sua).

TEST DEL DNA E STALKING. Dubbi sull'ex? Ecco le agenzie investigative, le consulenze legali, e addirittura i test del Dna per i padri che hanno dubbi se i loro figli siano davvero «sangue del loro sangue» (ma a richiedere di più il servizio pare che siano le suocere).

Paura di essere perseguitati dall'ex? Si potrà chiedere un preventivo per progetti anti-stalking e servizi di guardie guardie del corpo. Nel frattempo, si potranno avere consulenze legali su tutti gli aspetti di separazione e divorzio e anche su come arrivarci nella maniera più economica.

TRAINER DELLA SEDUZIONE E DIVORCE-PLANNER. Prima o poi toccherà «rifarsi una vita». Ecco spuntare le agenzie matrimoniali, di viaggi, gli stylist esperti in «relooking» e anche i servizi di baby-sitting e pet-sitting per procurarsi qualche ora libera. Ma anche i consigli psicologici per superare lo choc emotivo e trainer della seduzione, per chi si sente un po' arrugginito nella ricerca di nuovi amori,  e i divorce-planner.

Tra le curiosità, la «Piccola bottega degli orrori», per riciclare i regali di nozze, e la possibilità di fare «liste di divorzio», pensate per le spese di chi cambia casa (per farsi aiutare dagli amici nell'acquisto, per esempio, di piccoli elettrodomestici o di servizi di piatti). E la novità delle Feste di divorzio.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI

mi pare triste, come se non ci si concedesse il tempo giusto per elaborare. mi auguro che ci saranno anche mediatori familiari. e lo stalking...sì oltre a fare i conti con il dolore di un matrimonio che finisce, lo stalking, in tutte le sue forme è veramente un peso che aggiunge spavento e incredulità, impotenza e altro dolore

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).