La Montorsi a Cannes nel film dell'ex: «Speriamo non si presenti con una stangona»

08 maggio 2010 
<p>La Montorsi a Cannes nel film dell'ex:
<strong>«</strong>Speriamo non si presenti con una stangona»</p>
PHOTO COURTESY OF O1 DISTRIBUTION

Non la si vedeva al cinema dal 2003, da Dillo con parole tue, che aveva scritto e interpretato, diretta dal marito Daniele Luchetti. Il film non fu un successo. Da allora Stefania Montorsi, 42 anni, era un po' scomparsa. Adesso riappare in film La nostra vita, la regia è sempre di Daniele Luchetti, ed è l'unico titolo italiano in concorso al prossimo Festival di Cannes che si apre il 12 maggio. Stefania Montorsi, sullo schermo interpreta la sorella di Elio Germano e Raoul Bova. Nella vita è da poco, la ex moglie di Daniele Luchetti, dopo quasi 20 anni d'amore.

Che cosa hanno detto gli amici quando hanno saputo che vi si siete separati?
«Oddio! Ma se vi lasciate voi, allora è finita, allora vuol dire che l'amore non esiste!».
Esiste o no?
«Esiste. Ma non è infinito. Solo lo spazio lo è. Tutto il resto ha una scadenza. Come il latte».
Quando è scaduto il vostro?
«Tre settimane prima delle riprese del film. Ma era già un anno in cui vivevamo sotto lo stesso tetto senza dormire insieme».
Qual è il motivo?
«Insieme, eravamo tristi. Separati, stiamo meglio».
Se il suo ex marito si presentasse al Festival con una stangona bionda, lei sarebbe così serafica?
«Insomma. Rosicherei, perché lo stangone io non ce l'ho!».

L'articolo completo lo trovate sul prossimo numero di Vanity Fair, in edicola il 12 maggio.

TUTTO SU CANNES 2010: LEGGI LO SPECIALE

SUL PROSSIMO VANITY: SHIA LABEOUF E LA SUA AMATA CAREY, IL TOPLESS DI RITARUSIC

IL NUMERO DI VANITY FAIR IN EDICOLA DAL 5 MAGGIO: DA ASIA ARGENTO A LUXURIA, DA MICKEY ROURKE A SOPHIA LOREN

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Sara 79 mesi fa

A me "Dillo con parole tue" era piaciuto! "I Favolosi anni '80" e "Fumo blu"...

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).