Le lacrime di Lady Briatore

25 maggio 2010 
PHOTO PMF AGENCY

Ha tenuto duro tutta la giornata. E poi ha pianto. Niente di male, sarebbero saltati i nervi a chiunque, figuriamoci ad una calabrese orgogliosa come Elisabetta Gregoraci, 28 anni, che vedete in queste immagini esclusive in lacrime sul balcone dell'Hotel Imperiale di Forte dei Marmi. Ci scuserà la showgirl per questa paparazzata crudele, ma il lato umano della celebrità fa notizia. E la privacy in certi casi non ha frontiere.

Il 21 maggio è stato il venerdì nero di Elisabetta. Catapultata fuori dal Force Blue, lo yacht del marito Flavio Briatore, dagli uomini della Guardia di Finanza. Costretta a scendere a terra con il figlio di 18 mesi, Nathan Falco in braccio. Prima la sosta a Monaco, dove è iniziata l'operazione della Guardia di Finanza. E poi l'arrivo in elicottero a Forte dei Marmi per raggiungere Flavio che stava curando l'inagurazione del disco-restaurant Twiga, e vedere lo yachT scortato dalle Fiamme gialle nel porto di La Spezia.

Brutta storia, lo abbiamo scritto subito. Non tanto per l'accusa di evasione fiscale. Quella è la legge ed è uguale per tutti. Spetta al magistrato verificare. Piuttosto vedere la propria casa - perché questo è di fatto il Force Blue per la famiglia Briatore - posta sotto sequestro, è traumatico. In quei saloni sospesi tra legni pregiati, quadri di Peter Beard, opere della Cracking art, tanti ricordi di feste: una su tutte quella a sorpresa, nell'estate del 2008, per il suo fidanzamento ufficiale.

Al Corriere della Sera Elisabetta ha dichiarato: «Ho perso il mio latte. E mio figlio si è dovuto abituare in fretta e furia a quello artificiale. Il pediatra me ne ha suggerito uno molto buono, pare il migliore, però nessun latte artificiale sarà mai come quello della mamma. Sto prendendo delle cose per farmelo tornare». Dichiarazioni che hanno scatenato le congetture grottesche dei rotocalchi rosa, compresa l'idea che al piccolo Nathan possa mancare la sua cameretta.  

Ora i Briatore sono a Londra. Nella casa che avevano pensato di mettere in vendita. Elisabetta è piena di amarezza, guarda i giornali italiani e vorrebbe smentire, rettificare, si stupisce delle troppe fantasie della cronaca rosa. L'atra faccia della celebrità può fare male. E, senza fare il tifo per nessuno, ci dispiace per lei.

GUARDA LA GALLERY DELLE FOTO

IL SEQUESTRO DELLO YACHT

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Silvia 79 mesi fa

Povera Gregoraci, povero Falco, quanto mi dispiace...a parte le considerazioni ovvie sul tenore di vita di molte altre persone, i tre Briatore possiedono comunque altre proprietà da miliardari, pensino a chi si trova in mezzo a una strada perchè gli viene sequestrato tutto il poco che ha costruito in una vitsa di sacrifici perchè la sua azienda fallisce. E tutto quello che ha costruito non evadendo il fisco gli viene portato via...allora a quelli che cosa dovrebbe succedere? Dovrebbero togliersi la vita? E cara signora Briatore, come mamma che ha visto il proprio figlio nascere sano e venire quasi ucciso da una setticemia contratta in ospedale il primo giorno di vita, da mamma che ha lottato con le unghie per riportare il figlio alla normalità, mollato il lavoro per seguirlo nelle sue peripezie di terapia intensiva neonatale, fisioterapia, ecc. ecc., allattato col tiralatte e somministrato il latte, in un secondo "felice" momento col sondino (essì, felice, perchè non era più alimentaz

claudia 79 mesi fa

no comment.....per un lutto gravissimo in famiglia , avevo partorito da una settimana e non ho perso il latte....non mi venagno a raccontare BALLE!!! Di sicuro

neomamma 79 mesi fa

non mi soprendono affatto le parole della Gregoraci di cui solo le neo mamme possono comprendere il senso...un bimbo di due mesi sebbene straricco come il suo non è diverso dagli altri bimbi...e ha dunque bisogno di ritrovare i suoi punti fermi che gli danno sicurezza: il suo lettino, angoli della stanza da fissare, oggetti familiari...e pazienza se il mio bambino della stessa età del suo li ritrova in un bilocale invece che su uno yacth...

elena 79 mesi fa

sono arcistufa di sentire tali cazzate su questa coppia per la quale non ho mai nascosto la mia antipatia e che trovo la piu' falsa della storia dei primi anni duemila!non so perchè le vicende di persone cosi' poco apprezzabili interessino il popolo italiano, io m i rifiuto di comprare giornali dove ci siano questi due ipocriti e leggere ora nel mio sito preferito che sta poveretta piange mi vien su un nervoso che non vi dico!lo leggo mentre al lavoro da me continuo a ricevere incarichi di vedita di appartamenti dove le coppie normali da duemilauero in due al mese con un bimbo appena nato non ce la fanno piu' a pagare il mutuo!e basta con i trogloditi arricchiti e le finte santarelline buone a nulla emblema di un italia in caduta libera...lacrime di coccodrillo..sapete dove devono andare quei due la?lasciamo perdere che non volgio diventar cattiva..mi spiace solo per questo piccoletto appena nato , non perchè non ha lo yacht adesso, ma per i genitori che si ritrova...

rita 79 mesi fa

o come mi dispiace......

maancheno 79 mesi fa

Ok, va bene...non tutti viviamo la stessa vita: c'è chi lavora in miniera e chi è presidente di una multinazionale. Però bisogna avere ritegno: non puoi venirci a dire che al bambino manca lo yacht mentre il governo sta facendo una manovra da 24 miliardi di euro, bloccando avanzamenti di carriera, assunzioni e finestre pensionistiche. Non puoi venirci a dire, per assurdo, che a pranzo non sai se mangiare caviale o aragosta mentre tantissime persone vanno a fare la spesa con i ticket restaurant. Questa coppia di cafoni arricchiti ha fatto tanto per non risultare simpatica ai più, poi ovviamente è un mito per quelli che vanno in Costa Smeralda a fare le foto ai vipsss, ma non è che è rimasta sul lastrico. Non hanno altre case? Un po' di umiltà non guasta mai.

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).