Al via i saldi. Alessia Fabiani: «Lo shopping è un piacere della vita»

02 luglio 2010 
PHOTO GETTY IMAGES

Partono oggi i saldi estivi (guarda lo speciale saldi con il calendario, le firme e i capi cult). Ad aprire la stagione delle vendite a prezzi scontati sono Napoli e Potenza, seguite, domani, dalla gran parte delle città, tra cui Roma, Milano, Torino, L'Aquila, e via via da tutte le altre (ultima Venezia, dove si dovrà aspettare fino al 17 luglio).

Tra le appassionate di shopping che durante il periodo dei saldi perde il controllo c'è anche Alessia Fabiani. La showgirl e attrice, 33 anni, che sarà dall'8 luglio al cinema nel film Dopo quella notte di Giovanni Galletta al fianco di Maria Grazia Cucinotta ed Enrico Lo Verso, in questi giorni è a Roma e si sta preparando all'assalto a negozi di abbigliamento, scarpe e bijoux. «Dovrò puntare la sveglia per sabato mattina presto: sono piuttosto sbadata».

Sbadata?
«Sono una tipica "shopper fessa": ai saldi arrivo sempre gli ultimi giorni, quando le occasioni sono andate. Purtroppo non mi ricordo mai, faccio confusione con le date oppure sono in viaggio».

Vestiti, scarpe, bijoux: qual è il suo obiettivo?
«Molti bijoux e vestiti. Le scarpe no, mi vieto da sola di comprarle, visto che le faccio (Alessia Fabiani disegna la linea di scarpe Shoe Bijou, ndr), ma non sempre riesco a trattenermi di fronte a certe opere d'arte».

Qual è il capo irrinunciabile di questa estate?
«Quest'anno vado pazza per le paillettes. Devo assolutamente comprare un giubbottino o un bolerino con le paillettes. Ne ho già adocchiato uno».

Per saldi va da sola o con le amiche?
«Da sola: devo essere molto concentrata, altrimenti rischio di comprare doppioni di abiti che ho già».

Quanti armadi ha?
«Ho una cabina armadio che occupa una stanza intera e un'altra più piccola. Mi sono organizzata».

Confessi: quante scarpe ha?
«Non le ho mai contate, ma saranno trecento paia».

Non le hanno mai rifilato una fregatura nella stagione dei saldi?
«Sì, una volta: un paio di jeans che costavano solo dieci euro in meno del prezzo pieno: un finto saldo».

Sensi di colpa per un acquisto irragionevole?
«A 18 anni, con i primi soldi guadagnati, spesi un milione di lire per un paio di jeans con le paillettes e le pietre. Una follia. Anche perché li ho messi solo due volte in tutta la mia vita».

Il budget di spesa?
«Non mi metto mai un limite. Cerco solo di non esagerare con le borse: al massimo compro una Chanel ogni tanto. Ma non mi sento in colpa, lo shopping è uno dei piaceri della vita».

> LA GALLERY: LE REGINE DELLO SHOPPING: DA KATIE HOLMES A PARIS HILTON

> LO SPECIALE SALDI: IL CALENDARIO, LE GRIFFE, I CAPI DA NON PERDERE

> I LOVE SALDI: LE CONFESSIONI FASHION DI QUATTRO ATTRICI ITALIANE

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).