I love saldi: le confessioni fashion di quattro attrici italiane

02 luglio 2010 
<p>I love saldi: le confessioni fashion di quattro attrici
italiane</p>
PHOTO LAPRESSE

Le scarpe, gli abiti, le borse. E poi il budget di spesa, le strategie per evitare fregature e i «colpi di fulmine». È cominciato il rito dei saldi estivi. Quattro attrici italiane hanno confessato a Vanity Fair i loro «sogni di shopping». La più spericolata, quando si tratta di acquisti a prezzi scontati, è Carolina Crescentini, interprete di Mine vaganti, che di fronte alle scarpe perde la ragione:  «Non sempre riesco a controllarmi - ammette l'attrice -. Di recente, ad esempio, mi sono lasciata conquistare da un paio di sandali in cuoio complicatissimi, che mi hanno procurato una tendinite». Più distaccata Alessandra Martines, vista di recente in Caterina e le sue figlie: «I saldi non fanno per me: non trovo mai ciò che mi piace oppure non c'è la mia taglia. Come nella vita, acquisto un vestito o un paio di scarpe solo se mi scatta il colpo di fulmine». Margareth Madè, la protagonista di Baarìa, arriva ai saldi con le idee chiare: «Questa stagione, vorrei qualcosa per il mare, magari un cappello di Borsalino - racconta l'ex modella -. Lo shopping è un piacere  che amo condividere con un'amica: è bello farsi consigliare e bere qualcosa tra una tappa e l'altra». E il budget di spesa? Alessia Piovan ha una strategia per scacciare i sensi di colpa: «Se, al momento del pagamento, so che ho superato il mio budget, chiudo gli occhi, striscio la carta e corro fuori dal negozio per evitare ripensamenti!».

L'articolo uscirà sul prossimo numero di Vanity Fair, in edicola il 7 luglio.

> ALESSIA FABIANI: «LO SHOPPING È UN PIACERE DELLA VITA»

> LA GALLERY: LE REGINE DELLO SHOPPING: DA KATIE HOLMES A PARIS HILTON

> LO SPECIALE SALDI: IL CALENDARIO, LE GRIFFE, I CAPI DA NON PERDERE


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).