Nicoletta Mantovani: «Un giorno qualcuno prende te con tutto il pacchetto, malattia compresa»

13 luglio 2010 
<p>Nicoletta Mantovani: «Un giorno qualcuno prende te con tutto il
pacchetto, malattia compresa»</p>
PHOTO MASSIMO DI NONNO - COURTESY OF VANITY FAIR

Fuma e sorride Nicoletta Mantovani: è lei che ha organizzato per noi questo bizzarro e illuminante incontro con alcuni giovani malati di sclerosi multipla che muoiono dalla voglia di fare le cavie, uniti dalla speranza di un progetto comune. Lei, la vedova di Pavarotti, è la più vecchia e ha appena 40 anni. Sono l'avamposto di quei circa 400 malati che sono pronti, in autunno, a una sperimentazione frutto della collaborazione tra Regione Emilia-Romagna, Università di Ferrara e Fondazione Hilarescere  per un «Trial randomizzato in doppio cieco»: metà avrà la terapia, metà no, nessuno saprà chi sì e chi no, così da disinnescare l'effetto placebo.

Nicoletta Mantovani non ha bisogno di presentazioni: in quanto vedova da tre anni di Luciano Pavarotti e malata ultra conosciuta, è suo malgrado la star del gruppo. A lei la sclerosi multipla è stata diagnosticata nel '94, ma stava male dal '90, quando aveva 17 anni e la prendevano per pazza: vedeva i pavimenti ora in salita, ora in discesa, le proponevano gli psicofarmaci. Quando ha saputo ha preso dosi massicce di cortisone, ha alternato momenti sì e momenti no. Poi suo marito ha iniziato a star male, senza speranza, lo stress è andato alle stelle, e così i sintomi. È arrivato l'interferone, e gli effetti collaterali. A un certo punto ha detto basta, ha sospeso le cure.

Continua >>

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI

Nicoletta,sono una signora affetta da sclerosi multipla,scrivo da Roma. Volevo sapere se tu hai avuto a che fare con Zamboni,e se hai fatto l intervento con lui. Mi sarebbe di aiuto se tu o chi per te mi potesse comunicare dove poterlo andare a trovare a Ferrara,un caro saluto,Tiziana.

silvio 73 mesi fa

come dicono in una nota publicità: "...e comunque, liberi di scegliere!" giusto! lasciateci liberi di scegliere! chi preferisce dar retta a chi ostacola questa scoperta e vuole tenersi le vene intrecciate lo faccia pure, anzi proporrei di chiudergliele di piu.. ma chi ha una speranza, chi è stanco di camminare dovendosi appoggiare al muro, se ancora cammina, a chi gira la testa anche da seduto. LASCIATECI LIBERI DI SCEGLIERE!!!

silvio 73 mesi fa

rispondo ad angela: ma tu dove le prendi le notizie? la disabilita non sparisce, perche conseguenza di lesioni che non guariscono... ma fermare la malattia ti fa schifo? il fatto che la malattia sparisca, niente piu ricadute, torna l'equilibrio, hai piu forza.... non ti gira la testa.... certo ormai magari se certe lesioni sono li, non si possono guarire ma, puoi non averne altre. gente che aveva una ricaduta ogni 4 mesi, ora magari non ne ha piu da due anni. e poi il problema qual'è realmente?? se hai delle vene chiuse, non le vorresti libere? chi se ne frega se la malattia e nata solo per quella causa, aprile per ora, poi si vedrà. scusate lo sfogo.

Angela 74 mesi fa

Aggiornatevi. Siete un po' indietro con le notizie. Lo stesso Zamboni dice che non migliora la disabilità (perchè allora dovrei andare sotto i ferri?)e NON E’ LA CAUSA DELLA SM. Perchè insistono? Troppo show di fronte a questa CCSVI che più che uma presunta patologia sembra una star. Le scoperte VERE sono sensazionali dentro e non rivestite. La Mantovani che vuole? Adesso passa per la paladina che non si vuole curare fuori dall’Italia. Ma dove è stata fino ad oggi? E’ in cura nell’”italianissima” New York. Semplicemente RIDICOLA! zamboni dice anche di NON sospendere le cure e lei dichiara di averlo fatto. La sua SM evidentemente glielo permette ma non è sempre festa. Ognuno può fare quello che vuole della sua vita ma non può trascinare altre persone perchè ad consiglio si trasforma in istigazione. NON C'E' NULLA DI CERTO E SCIENTIFICAMENTE VALIDO.

GRAZIE, NICOLETTA.

NICOLETTA, GRAZIE, ABBIAMO BISOGNO DI PERSONE COME TE. MARIAROSARIA

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).