Federica Pellegrini: «Sarò una mamma giovane»

20 luglio 2010 
<p>Federica Pellegrini: «Sarò una mamma giovane»</p>
PHOTO KIKA PRESS

«La pasta? La mangio eccome», dice Federica Pellegrini, 21 anni, l'attuale detentrice del record del mondo dei 200 e dei 400 metri stile libero. L'atleta olimpionica è stata scelta come testimonial dei prodotti Pavesi del Gruppo Barilla per i prossimi tre anni e ha appena girato uno spot che vedremo in tv dal primo agosto. «Mi piace, ogni tanto, trovarmi davanti a una telecamera», racconta la nuotatrice, «ma preferisco di gran lunga la corsia della piscina».

Quindi, Federica, non la vedremo mai attrice?
«Non credo. Non so recitare, nemmeno in questo spot posso dire di aver recitato, sono stata me stessa. E ora non avrei nemmeno tempo: mi alleno tutto il giorno, ho ancora molti obiettivi che vorrei raggiungere nel nuoto».

Per esempio i prossimi Europei?
«Sì, e le olimpiadi di Londra del 2012. Mi sto preparando per gli 800 stile libero. Vorrei riuscire a ottenere un buon risultato in questa disciplina. Londra sarà il mio banco di prova: da lì deciderò se andare avanti con il nuoto o fermarmi».

Pensa a una famiglia?
«Sì, vorrei essere una mamma giovane. Credo molto nella famiglia e anche Luca (Marin, il fidanzato nuotatore, ndr). Sono stata fortunata perché ho alle spalle dei genitori fantastici che mi hanno sempre supportata e incoraggiata nelle mie scelte, sarà per questo che l'idea di un bambino a 25 anni non mi spaventa».

Convive con Luca Marin?
«Non ancora. Però siamo sempre insieme. Ci alleniamo tutto il giorno nella stessa piscina e viviamo molto vicini, Verona non è grande. Il fatto che abitiamo nella stessa città rende tutto molto più facile, in realtà è come se convivessimo».

E se questi Europei li vince si farà un tatuaggio per la vittoria?
«No. Direi che (per ora) sette tatuaggi bastano e avanzano».

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).