Elisabetta Canalis: «Non mi perdonano di essere felice»

03 agosto 2010 
PHOTO ELLEN VON UNWERTH / H&K - COURTESY OF VANITY FAIR

GUARDA LE 50 FOTO DELLA CANALIS, DA MILANO A HOLLYWOOD

Da un anno è al fianco dell'uomo più sexy del pianeta, e a Vanity Fair, che le dedica la copertina in edicola dal 4 agosto, parla per la prima volta del suo amore con George Clooney. (GUARDA LE FOTO ESCLUSIVE DI VANITY FAIR)

Lago di Como: l'auto varca il cancello di Villa Oleandra. George Clooney è sulla porta, bermuda e maglietta a righe con il numero 23 sulla schiena. Gli abiti potrebbero essere quelli di chiunque  altro, ma il sorriso è hollywoodiano mentre il divo scende le scale, solleva il trolley e saluta l'autista: «Grazie per averla riaccompagnata». Poi apre la portiera: Elisabetta Canalis è tornata a casa.

>> GUARDA LO SPECIALE CLOONEY-CANALIS

>> GUARDA CLOONEY E CANALIS, L'ORA DELL'APERITIVO


Di questo periodo che cosa ricorderà?
«Credevo che il lavoro per me sarebbe sempre venuto al primo posto. Sono stata smentita. La mia vita sentimentale ha preso il sopravvento».

La sua partecipazione alla terza stagione della serie tv americana Leverage non ha messo tutti d'accordo.
«Non credo di aver mai studiato tanto, mai avuto lo stesso sano nervosismo, la stessa concentrazione sul lavoro come per questo nuovo progetto».

Non le hanno fatto male le critiche al suo lavoro?
«Sembra un luogo comune, ma purtroppo è vero: gli italiani non fanno mai il tifo per i loro connazionali che si guadagnano all'estero un'opportunità, un riconoscimento. Non mi aspetto di essere celebrata, ma nemmeno che i giornali del nostro Paese prendano come punto di riferimento critico un blog di gossip pieno di insulti, di razzismo, di violenza».

La infastidisce l'idea di essere ormai vista come parte di una coppia? Vi chiamano «i Cloonalis».
«Ma è una cosa solo italiana. Guardi che non sto facendo la finta modesta: in America non mi conosce nessuno».

A Los Angeles, fuori da casa sua, non ci sono i paparazzi?
«A volte mi seguono al supermercato, ma dopo un po' si stufano. Sono meno ossessivi dei loro colleghi italiani. Posso uscire a cena con il mio uomo senza essere particolarmente perseguitata».

Ci sarete al Festival di Venezia?
«No. Però il 29 agosto saremo a Los Angeles agli Emmy, i premi della Tv. Lui verrà premiato: non come attore, ma per il suo impegno umanitario. Per quello che ha fatto per i terremotati di Haiti».

Che cosa le piace di più in Clooney?
«Proprio questo. La sua umanità. La capacità di dare agli altri».

La vostra storia, all'inizio, ha suscitato parecchi dubbi, e anche parecchi «non è vero». Le ha dato fastidio?
«Non mi sono sentita offesa: è un'assurdità, non ha senso darle peso. Certo mi ha fatto effetto, l'altro giorno, sentirmi domandare dalla cassiera della Conad di Alghero: "È vero che sei fidanzata con lui?". Sì, è vero: stiamo insieme. Ho saputo di donne, anche nomi importanti, che per questo hanno tolto la sua foto dal desktop del computer. Forse sono un po' troppo stressate. Ma alla fine, la miglior rivalsa nei confronti degli invidiosi è la tua felicità. Perché è quella che non ti perdonano».

Quanto la rassicura Clooney?
«Molto: mi è sempre vicino».

Si sente coccolata?
«Come non lo ero mai stata».

Si sente mai insicura nel nuovo ambiente che frequenta?
«Spesso: sono insicura per indole. Ma, se sei amata, ti senti sempre splendida. È l'idea di essere così amata che mi sorprende».

Definisca George Clooney.
«La persona grazie alla quale la mia vita ha ripreso colore. Mi sento bene, leggera. Come quando avevo 18 anni».

L'intervista completa su Vanity Fair n.31/2010 in edicola da mercoledì 4 agosto

Guarda anche:

>> George Clooney ed Elisabetta Canalis: un anno di amore (e rumor)

>> LO SPECIALE CLOONEY-CANALIS

>> Clooney e Canalis, l'ora dell'aperitivo (nel lago)

>> Clooney, udienza show al tribunale di Milano

>> George Clooney, testimone in tribunale a Milano

>> Clooney, easy rider con Woody Harrelson per i tornanti di Como

>> «Brangelina sposi a Bracciano». Perché a Bracciano negano?

>> Clooney Canalis, come nasce una bufala

>> Dal blog del direttore di Vanity Fair, Luca Dini: Clooney-Canalis, come nasce una bufala

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
V. 27 mesi fa

Tutto questo accanimeto contro questa tizia non lo capisco proprio. Appartiene al mondo dello spettacolo,un mondo non proprio "vero", le vanno bene gli affari ( così ci fanno credere) e twitta sue foto a tutto spiano presumibilmente al suo "pubblico" di ammiratori.Dove sta il broblema? Forse ha capito come gira in quel mondo e si è adeguata?Che dite ? Lo farebbero tutti e tutte al suo posto ,poche balle! Quando ti pagano fior di quattrini per un servizio fotografico e per fare da comparsa ( così si vociferava) accanto a uno degli uomini più desiderati al mondo con annessi e connessi, forse, tanto sciocca non è'.

Simon 34 mesi fa

Ma chi se ne frega di questa scema!

ilmoro 50 mesi fa

Mamma ma quanto siete invidiosi????? E' una ragazza giovane italiana che ha avuto fortuna.....che vi disturba????? La mentalità italiana non cambierà mai.....!!! Help!!

seaofsorrow 51 mesi fa

Purtroppo il tempo passa anche per lei e sta lasciando dei segni piuttosto evidenti sul suo volto. Sembra già una 40enne e non ci sarebbe nulla di male se avesse davvero 40 anni e del talento in qualcosa. Mi auguro che abbia fatto degli investimenti sicuri per il futuro, perché non so quanto i manager vogliano investire su di lei in futuro, mancando totalmente di carisma.

poochie 51 mesi fa

che noia questa... se la prende per delle prese in giro quando lei è la prima a cercare con tutte le forze di buttare fango sulle altre, come su michelle hunziker, che in america farebbe furore, altro che questa qua...

Elena 51 mesi fa

Io penso che la Cnalis ha avuto soltanto molta, ma molta fortuna.

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).