Deneuve contro Bruni: «Doveva essere più cauta sul caso Sakineh»

05 settembre 2010 
<p>Deneuve contro Bruni: «Doveva essere più cauta sul caso
Sakineh»</p>

Alla Mostra del cinema di Venezia, Catherine Deneuve, 66 anni, attacca Carla Bruni, 42. L'attrice francese, al Lido per presentare Potiche di Ozon, ha parlato dell'appello fatto dalla moglie del presidente francese Sarkozy a favore di Sakineh, la donna iraniana che oggi potrebbe essere lapidata.

Per questo impegno contro la lapidazione, la Bruni s'era presa della «prostituta» dal quotidiano iraniano Kayhan che, il giorno seguente, l'ha minacciata di morte.

La Deneuve, precisando di sperare che «la mobilitazione internazionale possa servire a fermare questa barbarie», ha voluto precisare la propria posizione nei confronti della première dame francese. «Quando si è una personalità molto nota bisogna andare cauti, sottoscrivere appelli può rivelarsi un'arma a doppio taglio. Talvolta controproducente», ha detto Catherine. Che ha rilanciato: «Nel caso di Carla Bruni, l'aver aggiunto il cognome del marito al suo, non ha fatto bene alla causa. Dall'altra parte hanno colto la palla al balzo. L'allusione alla sua vita passata poco morigerata è stato come dire: occupatevi dei fatti vostri».

 

 

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).