Una domenica eccellente

di Rossella Boriosi 

Per valorizzare il patrimonio dei piccolo borghi italiani, il Touring Club ha ideato un marchio di qualità turistico e ambientale - la Bandiera arancione - che attribuisce alle località dell'entroterra come Pievobovigliana, gioiello dei Sibillini

Rossella Boriosi

Rossella Boriosi

Blogger & ContributorScopri di piùLeggi tutti

<<>0
0/

Il problema è che siamo abituati alla bellezza. Fossimo vissuti altrove, quelle chiese romaniche non le avremmo lasciate languire nei boschi di querce e castagni dei nostri Appennini, anzi: avremmo chiamato il mondo intero ad ammirare la meraviglia delle loro architetture, il mistero degli affreschi appannati dal tempo e l'aura di misticismo che emana dalle loro pietre. La bellezza, noi, la diamo per scontata. Quello che il mondo celebra (e invidia!) come italian way of life per noi è vita di provincia, struscio nei centri storici immersi nelle testimonianze del passato.

Per valorizzare questo patrimonio, di cui siamo perlopiù inconsapevoli, il Touring Club Italiano ha ideato un marchio di qualità turistico e ambientale - la Bandiera arancione - che attribuisce alle località dell'entroterra caratterizzate da eccellenze paesaggistiche, architettoniche ed enogastronomiche, oltre che in grado di offrire un'accoglienza turistica di qualità. Lo scopo è di tutelare e far conoscere al pubblico luoghi solitamente ignorati dai flussi turistici di massa, celebrando tesori che solo per gli altissimi standard italiani possono essere considerati «minori».

Come, per esempio, Pievebovigliana. Che proprio nella domenica dedicata ai 100 borghi certificati dal TCI, ha messo in mostra le sue meraviglie.


Inserisci il tuo indirizzo email per iscriverti alla newsletter di Style.it