I luoghi del cuore
la top ten

di Simone Cosimi 

Sesta edizione per il referendum del Fai che riporta alla luce le gemme nascoste della cultura e del paesaggio italiani: un milione di voti, oltre 10mila posti segnalati, vince la settecentesca Cittadella di Alessandria

Simone Cosimi

Simone Cosimi

ContributorScopri di piùLeggi tutti

<<>0
1/

La prima edizione è ormai di dieci anni fa: i votanti, all'epoca, furono appena 24.200. Un esperimento che, però, attraverso sei tappe, si è trasformato in fedele fotografia delle gemme oscure e dimenticate dello Stivale. Nel tentativo di dar loro nuova luce.

Per l'ultima edizione de I luoghi del cuore, il tradizionale censimento delle bellezze culturali italiane promosso dal Fondo ambiente italiano con Intesa Sanpaolo, a dire la loro sono stati infatti oltre un milione di persone. Segno di un'attenzione sempre più spiccata per i luoghi della cultura trascurati o semplicemente da valorizzare, per le ricchezze architettoniche e paesaggistiche del Bel Paese, in particolare quelle più a rischio: "In questo momento di crisi e di confusione un milione di cittadini ha voluto esprimersi con chiarezza - ha detto Giulia Maria Mozzoni Crespi, presidente onorario del Fai - segno che continuano ad aumentare gli italiani che hanno capito l'importanza del paesaggi che ancora resiste intorno a loro".

Non solo italiani, però: per la prima volta il sondaggio è stato aperto anche agli stranieri, che hanno inviato la loro preferenza da 123 paesi. Alla fine, i luoghi del cuore segnalati sono stati nel complesso 10.451. Tantissimi.

Su tutti, svetta la Cittadella di Alessandria, che ha raccolto 53.953 segnalazioni, seguita dalla Chiesa di San Nicola a San Paolo di Civitate (Foggia, 53.394 voti). Sul terzo gradino del podio l'abbazia benedettina della Ss. Trinità di Monte Sacro a Mattinata (sempre Foggia, 50.071 segnalazioni). Quanto alle Regioni, in testa la Puglia seguita da Campania, Piemonte, Lombardia e Toscana. Scorri le schede in alto per scoprire la Top Ten dei luoghi del cuore, angoli sconosciuti dello scrigno italiano da recuperare, salvandoli dall'oblio.