ITINERARI E METE

L'altra Parigi: la Ville Lumière attraverso i 5 sensi

28 settembre 2011

Anche il più familiare dei quadri, la più accertata delle circostanze, il più usuale dei contesti può improvvisamente mutare le sue sembianze. E diventare altro. Magari trasformarsi in emozione

>> Guarda anche Ultimo parco a Parigi
>> Guarda anche la scheda pratica

Precedenti Successivi

Parigi in 5 sensi - Gusto

1/7

Dove dimora la gratificazione. Del palato. Questa città zuccherina, che immagina donne sfilare su tacchi a forma di Tour Eiffel rovesciata, romantica, imprendibile e misteriosa come la più capricciosa delle mademoiselle, proclama l'era del sapore. Specialità francesi, americane e italiane soddisfano golose esigenze a place Marcel Sembat.

Che significato si dà alla parola? Dicendo “fragola” si gusta la fragola? Pronunciando “cioccolato” se ne morde un pezzo? Di fronte alle vetrine della pasticceria Saines Saveur questo piccolo miracolo gastronomico accade. Quel che resta è il sorriso, appagato, di chi, all'uscita, ne varca la porta. Perchè «Parigi è un continuo banchettare»

    Condividi:
    • Twitter
    • Facebook
    • Delicious
    RISULTATI

    INTERESSANTI IN RETE

      Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
      Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).